Quantcast

Ambiente e sostenibilità, ecco le sfide di ‘Altopascio verde socialista’ foto

La coalizione: "Il programma del sindaco D’Ambrosio rispecchia la nostra visione e le nostre idee in tema ambientale e di sviluppo del territorio"

Ambiente, rigenerazione urbana, forestazione e infrastrutture sostenibili: sono questi i punti fondamentali che animano Altopascio Verde Socialista, la quarta lista della coalizione di Sara D’Ambrosio Sindaco, che correrà per le prossime elezioni comunali del 3 e 4 ottobre.

A presentare gli elementi salienti della lista sono stati il sindaco, Sara D’Ambrosio insieme con gli esponenti e candidati, Mirko Petrini e Roberto Petri: “Il nostro impegno è tutto improntato sulla parte ambientale – spiegano – Il programma del sindaco Sara D’Ambrosio rispecchia la nostra visione e le nostre idee in tema ambientale e di sviluppo del territorio, sopratutto per quanto riguarda la possibilità di dotare Altopascio di nuove infrastrutture, a partire proprio dal raddoppio ferroviario con il sottopasso della via Romea”.

Piste ciclabili, la nuova ciclabile dei parchi, che possa collegare i punti verdi di Altopascio, la realizzazione di nuovi spazi attrezzati nella natura, la crescente promozione della Riserva naturale del Lago di Sibolla, gli incentivi per la nuova piantumazione di alberi, l’attenzione nuova al mondo degli animali, il percorso per portare a casa il miglior progetto possibile di sottopasso ferroviario, dedicato al traffico leggero e in stretta correlazione alla circonvallazione di Altopascio, per la quale, questa amministrazione, ha ottenuto 200mila euro per la progettazione,  e il nuovo regolamento urbanistico sono gli altri temi portanti che guidano il programma di Sara D’Ambrosio e che trovano pieno riscontro nella lista Altopascio Verde Socialista.

“L’impegno dell’amministrazione di Sara D’Ambrosio nelle scuole – continuano – con progetti vinti e finanziati che porteranno ad Altopascio strutture nuove, completamente sostenibili e realizzate in bioedilizia, super efficienti dal punto di vista energetico e ambientale, è sotto gli occhi di tuti. Così come è sotto gli occhi di tutti il percorso che porterà all’adozione del nuovo piano strutturale intercomunale, del nuovo piano operativo e del nuovo regolamento edilizio: strumenti che disegneranno un nuovo volto di Altopascio, finalmente lontano dalle logiche del passato, dove si è costruito più del dovuto, con un’eredità visibile a tutti sul territorio fatta di scheletri di cemento”.

“Con il nuovo regolamento urbanistico e il nuovo regolamento edilizio – aggiunge il sindaco, Sara D’Ambrosio – procederemo alla riconversione dei siti industriali e allo snellimento della burocrazia per quanto riguarda l’edilizia residenziale. L’obiettivo è togliere gli scheletri in cemento armato che sono la fotografia più evidente di quello che è stato Altopascio nel passato, grazie alle gestioni del passato, durate oltre 25 anni”.

I candidati di Altopascio Verde Socialista: Mirko Petrini, 38 anni, filmmaker e reporter, Debora Ciampi, 33 anni, impiegata in un supermercato, Mario Sarti, 77 anni, pensionato, Marta Glenda Lugano, 36 anni, attivista, Roberto Petri, 52 anni, impiegato, Giusi Ghiribelli, Luca Fidia Pardini, 32 anni, Giulia Innocenti, Anna Pagnini, Gabriele Martinelli, 69 anni, pensionato, Paolo Rubino, 43 anni, impiegato, Stefania Schiavone, estetista, e Maria Giovanna Conforti.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.