Quantcast

Vittorio Fantozzi (Fdi) eletto presidente della commissione di inchiesta sulla sanità toscana

Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia: "Vogliamo conoscere la verità su quanto avvenuto nella nostra Regione"

Il consigliere di Fratelli d’Italia Vittorio Fantozzi è stato eletto presidente della commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia, insediata oggi (14 settembre) in consiglio regionale.

Finalmente si è insediata la commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia da parte della Regione Toscana, da noi fortemente voluta – dichiarano il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio regionale Francesco Torselli e il neo presidente della commissione d’inchiesta -. Adesso potremo davvero capire cosa sia realmente accaduto durante l’emergenza pandemica. Se la commissione fosse stata istituita quando, ad aprile, lo aveva chiesto Fratelli d’Italia, avremmo evitato di perdere tempo prezioso”.

“Sono orgoglioso di questa attestazione di fiducia e ringrazio i commissari che mi hanno votato. Come presidente avrò come obiettivo quello di cercare di capire, senza pregiudizi ideologici di alcun tipo, che cosa ha impedito alla sanità toscana di essere efficiente nella fase più acuta della pandemia. Ma anche cosa i cittadini toscani dovranno aspettarsi per i prossimi mesi una volta accertata la verità – prosegue Fantozzi -. Siamo soddisfatti del risultato raggiunto oggi, anche se sarebbe stato opportuno istituire la commissione d’inchiesta al momento opportuno, cioè quando la chiedemmo ad aprile. Noi non dimentichiamo i disastri commessi dal duo Giani Bezzini: una drammatica campagna vaccinale, personale sanitario stanco e ridotto ai minimi termini, code e attese interminabili per accedere ai servizi sanitari. Vogliamo conoscere la verità su quanto avvenuto nella nostra Regione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.