Quantcast

Panchieri contro Del Ghingaro: “Che c’azzecca il sindaco di Viareggio con i frati Da Piero?”

Il segretario del circolo Pd del centro: "Chissà quante tradizioni viareggine e capannoresi cancellate"

Non l’ha presa il segretario del circolo centro storico del Pd, Roberto Panchieri. Il commento affidato a Facebook dal sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro sul caso del Chiosco Da Piero non gli è andato giù.

“Uno – scrive Panchieri – si domanda che c’azzecca il sindaco di Viareggio con i frati zuccherati e profumati di fuori Porta S. Maria e, a parte il richiamo al ricordo infantile dei profumi e dei sapori che tanto rimanda alle madeleine proustiane, non sa trovare risposta plausibile, anche perché chissà ‘quante tradizioni cancellate, sapori globalizzati’ si sono verificati negli ultimi anni nei Comuni di Capannori e di Viareggio. Forse anche là valevano e valgono le regole e le leggi, la famosa burocrazia. Ma tanto è. Qualcosa bisogna pur dire per arrivare a parlare di Lucca e dei suoi amministratori. E, non potendo per ora imboccare la via maestra, si preferisce utilizzare vicoli e sentieri per vedere l’effetto che fa. Ma, tranquilli. A Lucca si voterà nel giugno del prossimo anno, a Viareggio fra quattro anni. Avremo tutti tanto tempo per verificare quanto sarà alta la capacità di difendere quel Comune dall’attacco dei sapori globalizzati in nome della difesa delle tradizioni viareggine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.