Quantcast

Italia Viva, la lucchese Tania Franchini responsabile regionale per il turismo

Soddisfazione per la nomina: "Ho un debito da saldare con gli elettori che hanno creduto in me"

Si è svolta a Firenze, al Teatro Puccini, l’assemblea regionale di Italia Viva, nel corso della quale sono stati nominati i responsabili tematici regionali.

Tania Franchini è la nuova responsabile regionale al turismo, già responsabile provinciale, di Italia Viva, per il turismo e l’agricoltura.

“Volevo dire a chi mi ha dato il proprio voto un anno fa – commenta Tania Franchini – che il mio impegno politico non si è concluso con la sconfitta alle regionali, anzi, riparte proprio da lì, perché quel voto non era per un simbolo di partito, appena nato sul mio territorio, era un voto alla persona, di fiducia, dato con il cuore ed io ho un ‘debito’ con i miei elettori/trici, quindi il mio cammino prosegue, si dice che metterci la faccia è coraggio, metterci il cuore è incoscienza, io lo definisco il coraggio dell’incoscienza, ma sono sicura che stiamo tracciando un sentiero nuovo ed importante per il Paese. Se fosse stata, anche, una sola persona a votarmi, io sarei andata avanti comunque, perché la fiducia non si tradisce mai”.

“Succede spesso – prosegue – che chi cammina sulle vie battute, getti pietre contro quelli che insegnano vie nuove, ebbene, con quelle pietre ci stiamo costruendo ponti e strade. Ringrazio, per la mia nomina, a responsabile regionale di Italia Viva al turismo, Italia Viva Lucca, Stefania Saccardi vicepresidente della Regione Toscana, Nicola Danti Europarlamentare e da pochissimo eletto vicepresidente del gruppo Renew Europe, Stefano Scaramelli consigliere regionale e vicepresidente del consiglio regionale, Alice coordinatrice regionale e tutte le persone che con grande entusiasmo credono e crederanno in un progetto che ci porterà a confluire in una dimensione politica più ampia, che possa diventare ‘casa’ per i riformisti, i liberali, i moderati, per una politica più giusta ed al servizio dei cittadini/e”.

“La politica siamo noi, siete voi, nessuno/a si senta escluso/a, mi auguro che sempre più ragazze, donne, possano decidere di intraprendere un cammino politico – afferma -, perché è lì che si fanno scelte e si prendono decisioni per bloccare o far crescere il Paese, non abbiamo bisogno di snaturare la nostra identità per far parte di un sistema a maggioranza maschile, ma quando si appartiene ad una minoranza, dobbiamo dimostrare di essere più brave per avere il diritto, in certi contesti, di essere uguali. Ce la faremo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.