Quantcast

Lucca, il 18 dicembre si rinnova il consiglio provinciale

Messa in moto la macchina elettorale per nominare i 12 nuovi consiglieri dell'ente di palazzo Ducale

Si voterà sabato 18 dicembre per il rinnovo del consiglio provinciale di Lucca. Tutti i 33 comuni del territorio saranno chiamati al voto per scegliere la nuova composizione. Quella in carica era stata eletta il 16 dicembre 2019, quando era stato nominato anche il presidente che però resta in carica 4 anni rispetto ai due anni dei componenti dell’assise provinciale.

Oggi (8 novembre) il presidente Luca Menesini ha firmato il decreto che indice i comizi elettorali, pubblicato sul sito internet della Provincia di Lucca. Il provvedimento adottato mette in moto, di fatto, la macchina elettorale per il rinnovo del Consiglio provinciale che, come l’attuale, sarà costituito da 12 consiglieri (poiché il territorio conta più di 300 mila abitanti ma meno di 700 mila) a cui si aggiunge il presidente della Provincia, Luca Menesini, riconfermato alla guida dell’ente nel dicembre di due anni fa.

Come nel 2019 la consultazione è organizzata su un seggio e due sottosezioni: sia per evitare assembramenti, sia per favorire la partecipazione al voto. Le elezioni si terranno dalle 8 alle 20 di sabato 18 dicembre a palazzo Ducale e nelle due sottosezioni di Castelnuovo Garfagnana, sede dell’Unione dei Comuni della Garfagnana in via Vittorio Emanuele e di Viareggio, a Villa Argentina in via Vespucci 44.

La data del 18 dicembre era stata proposta con un proprio documento dall’Unione province italiane, quale giorno unico per lo svolgimento delle elezioni nelle amministrazioni provinciali di cui ha preso atto la Conferenza Stato Città e autonomia locali. Nell’allegato al decreto deliberativo della Provincia sono indicati i 33 Comuni del territorio provinciale i cui sindaci e consiglieri prenderanno parte al voto al seggio di competenza territoriale: sono 10 per il seggio di Lucca, 16 per quello in Garfagnana e 7 in Versilia.

L’elezione dei 12 componenti il consiglio provinciale avviene sulla base di liste concorrenti composte da un numero di candidati compreso fra 6 e 12 che devono essere sottoscritte da almeno il 5% degli aventi diritto al voto accertati al 35esimo giorno antecedente quello della votazione. Nelle liste nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 60% del numero dei candidati.

I prossimi passaggi amministrativi in vista delle elezioni di dicembre prevedono: entro il 13 novembre il primo accertamento degli aventi diritto al voto, ai fini del calcolo del numero minimo di sottoscrizioni a corredo delle liste dei candidati. Entro il 18 novembre poi la pubblicazione del numero degli aventi diritto al voto al 35esimo giorno a cura dell’ufficio elettorale costituito in Provincia di Lucca. Dalle 8 del 27 novembre alle 12 del giorno successivo (28 novembre) è prevista la presentazione delle liste di candidati al consiglio provinciale  nell’ufficio elettorale costituito nella sede dell’ente. Dal 29 novembre al 3 dicembre è previsto l’esame delle liste dei candidati.

Le elezioni di secondo livello delle Province introdotte dalla Legge Delrio, prevedono l’applicazione degli indici di ponderazione dei voti per l’elezione dei nuovi organi amministrativi provinciali. Indici che fanno riferimento alle fasce demografiche di appartenenza dei Comuni. In sostanza è assegnato un “peso” più consistente a seconda del numero dei residenti del comune di appartenenza dell’avente diritto al voto. Tutti i riferimenti di legge, la cronologia degli adempimenti e i moduli relativi alle nuove elezioni provinciali sono pubblicati sulla home page del sito della Provincia (clicca qui) dove è stata creata una sezione specifica al rinnovo delle cariche elettorali dell’ente di Palazzo Ducale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.