Quantcast

Centenario della morte di Puccini, Bonfanti: “Si ricompongano i contrasti fra Lucca e Viareggio”

Il sindaco di Pescaglia e la presidente dei Lucchesi nel Mondo Del Bianco: "Il 2024 è vicino, si ricomponga subito il tavolo"

Sarà una grande occasione quella che si presenterà al territorio della provincia di Lucca in vista della celebrazione dei 100 anni dalla morte di Puccini che ricorre nel 2024. Tali celebrazioni arriveranno fino al 2026, anno in cui si ricorderanno i cento anni dalla prima della Turandot.

In virtù, infatti, del disegno di legge presentato dal senatore Andrea Marcucci assieme al senatore Riccardo Nencini, presidente della settima commissione permanente del Senato, potrebbero arrivare sul nostro territorio 11 milioni di euro di risorse per celebrare degnamente le ricorrenze legate al nome di Puccini.

Del comitato promotore fanno parte i Comuni di Lucca, Viareggio e Pescaglia insieme alla Fondazione Giacomo Puccini di Lucca, la Fondazione Simonetta per Giacomo Puccini, la Fondazione Festival Pucciniano e l’associazione Lucchesi nel Mondo.

Sul tema interviene il sindaco di Pescaglia, Andrea Bonfanti: “Abbiamo davanti un orizzonte importante per celebrare al meglio il grande maestro Puccini e per portare ingenti risorse sul territorio. Questa occasione non va sprecata, qualunque siano i contrasti nati tra l’amministrazione di Lucca e quella di Viareggio; è necessario riuscire a trovare una ricomposizione. Per non farsi sfuggire questa opportunità, è indispensabile sedersi intorno ad un tavolo, superare le divisioni ed avviare una programmazione congiunta per gestire al meglio quelle che saranno le scadenze di qui ai prossimi anni, perché il 2024 è dietro l’angolo. Per dare il via a una organizzazione e ad una promozione di tutto rispetto significa dover partire da gennaio 2022. Ecco perché è assolutamente necessario ricomporre il tavolo e iniziare insieme il lavoro fin da subito”.

Sulla stessa linea Ilaria Del Bianco, presidente dell’associazione Lucchesi del Mondo: “La priorità deve essere il bene del territorio pertanto è fondamentale superare le posizioni di parte e unire le forze affinché si possa cogliere l’opportunità di celebrare il grande Maestro Giacomo Puccini, che ha portato, e porta, il nome di Lucca in tutto il Mondo”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.