Quantcast

SìAmo Lucca: “Il Consorzio rispetti il lavoro della commissione sul condotto”

Il gruppo consiliare: "Basta con tentativi di ingerenza e pressione da parte dell'ente"

“C’è un inaccettabile tentativo di ingerenza e pressione sui lavori della commissione speciale del Comune, chiamata a definire le gravi problematiche provocate dal condotto pubblico”. A sostenerlo è il gruppo consiliare della lista civica SìAmoLucca, che alcuni mesi fa ne ha proposto la costituzione, portando tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione a votarne all’unanimità la nascita.

“La commissione speciale sta lavorando per capire responsabilità e soluzioni possibili alle notevoli criticità provocate nelle frazioni che vanno da Ponte a Moriano al centro storico  – commenta la lista civica –  e ha una sua valenza amministrativa e politica verso la quale si deve portare il massimo rispetto. Cosa che non abbiamo riscontrato nella lettera inviata dal presidente del Consorzio 1 Toscana Nord, che ha giustificato la sua assenza ad una nostra riunione a causa del fatto che durante una seduta era stato ascoltato un consigliere di minoranza del Consorzio stesso. Scelta fatta invece per allargare la riflessione, con contenuti che tra l’altro sono stati altamente costruttivi e non denigratori dell’ente”.

SìAmoLucca aggiunge altre riflessioni.  “La commissione consiliare si è fatta già un’idea importante su quelle che sono i problemi,  grazie al numeroso materiale raccolto, al sopralluogo effettuato e alle audizioni dei cittadini – prosegue SìAmoLucca -. Una questione emersa in modo palese è anche quella relativa alla manutenzione del Condotto Pubblico a cui si deve aggiungere l’effettiva difficoltà nelle relazioni con il Consorzio, come dimostra una serie di richieste correttamente formulate che attendono ancora una risposta. Resta il dato di fatto che la maggior conoscenza del condotto pubblico resta in carico proprio  al Consorzio 1 Toscana Nord dato che a partire dal 2012 ha assorbito l’ex Consorzio Auser-Bientina al quale era stato affidata, dalla Provincia di Lucca fin dal 2001, la gestione dei canali demaniali, tra cui proprio il condotto pubblico, ai fini della manutenzione ordinaria e straordinaria: ecco perché  riteniamo inaccettabile il  comportamento del presidente del Consorzio 1 Toscana Nord” .

SìAmoLucca attende la conclusione dei lavori della commissione speciale, ritenendo che “debbano andare avanti senza ulteriori pressioni per definire in fretta la vicenda, perché l’impegno preso di fronte ai lucchesi è quello di arrivare ad un documento finale ricco di contenuti e non di parole, con il quale vengano focalizzate tutte le questioni che la Commissione in piena indipendenza di azione e di pensiero ritiene di inserire”. “Successivamente dal lavoro tecnico si passerà alla discussione politica in consiglio comunale – conclude la nota -, Va tuttavia rimarcato che all’interno della commissione c’è stata finora una stretta e costruttiva collaborazione nel rispetto dei ruoli istituzionali, e così crediamo dovrà continuare ad essere. Basta con il muro contro muro e il rifiuto a prendere parte alle audizioni, perché questo significa porre ostacoli alla soluzione dei problemi, piombati in un perenne limbo delle competenze che perdura dal 2016″

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.