Quantcast

Pillole social di programma per Ilaria Vietina: “Inclusività, sinergia e accessibilità per la cultura”

La candidata alle primarie del centrosinistra presenta on line il suo manifesto in vista delle primarie

Oggi (27 novembre) la campagna di Ilaria Vietina sindaca lancia sui social l’inizio di una serie di pillole video che costituiranno una presentazione digitale del suo manifesto nelle prossime settimane.

“Oggi parliamo della cultura – dice la candidata alle primarie del centrosinistra del 19 dicembre – e dell’importanza di valorizzare, accanto ai grandi eventi che ci fanno conoscere a livello internazionale, le iniziative della comunità che ogni giorno dedica il suo impegno per fare cultura di qualità sul nostro territorio –  ha detto la candidata – Nei giorni e nelle settimane successive affronteremo altri temi importanti come la parità di genere, l’economia, l’istruzione, l’ambiente e la manifattura, per citare solo alcuni”.

Sulla cultura come priorità fondamentale per Lucca, Ilaria Vietina ha detto: “Inclusività, sinergia, accessibilità. Tre parole chiave per riassumere la mia idea di cultura a Lucca. Accanto alle prestigiose manifestazioni che rendono  Lucca celebre nel mondo, sono convinta che la cultura di un territorio non sia solo sinonimo di grandi eventi, ma di un costante lavoro di tessitura e confronto tra tutti i soggetti che di cultura si occupano e che a Lucca sono più attivi che mai: dai tradizionali istituti come il teatro del Giglio, il Boccherini, le biblioteche, alle numerose iniziative musicali e artistiche, dai centri di alta formazione alla composita rete del sistema scolastico, fucina preziosa di idee e progetti che dai giovani si propagano con passione ed entusiasmo verso la città. Cultura è quell’equilibrio dinamico tra riflessione e attività che si fonda sulla partecipazione e sul legame tra coloro che vivono il territorio”.

“I cittadini e le cittadine sono i principali protagonisti delle politiche culturali lucchesi – prosegue Vietina – Vogliamo porre le basi per sostenere e consolidare la comunità culturale con nuovo impegno, per renderla aperta e dialogante, una collettività che sappia fare sistema, integrando saperi e linguaggi, e sfruttando al massimo i nuovi strumenti della digitalizzazione, allo scopo di rendere gli spazi della cultura fruibili da tutte e tutti”.

“Essere Lucca Learning City, città dell’apprendimento permanente Unesco – prosegue la note – significa rendere centrale alla vita della comunità la condivisione dei saperi e l’approccio partecipativo. Per questi motivi, desidero fare un appello a tutti coloro che ogni giorno si impegnano per fare cultura di qualità sul nostro territorio: incontriamoci, scambiamoci proposte, confrontiamoci sulle criticità, prepariamoci insieme ad affrontare le prove che ci attendono”.

“Come sindaca – conclude – mi impegnerò a sostenere gli eventi grandi della nostra città: Lucca Comics and Games, Summer Festival, Puccini Days, Cora Fest, e a sostenere le persone, le associazioni, gli spazi per fare ancora più grande Lucca città di cultura”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.