Quantcast

Locali chiusi in centro, Barsanti (Dl): “Dal Comune un accanimento nei confronti dei commercianti”

Il consigliere di Difendere Lucca sui provvedimenti presi nei giorni scorsi a seguito dei controlli: "Dopo le luci di Natale, un'altra stangata alla città"

Nuovo provvedimento, nuove critiche verso l’amministrazione comunale. A intervenire è il consigliere di Difendere Lucca Fabio Barsanti che, in apertura di Consiglio comunale di ieri (30 novembre), ha giudicato le ordinanze di chiusura dei locali, emesse nei giorni scorsi a seguito di controlli andati avanti tra giugno, luglio e ottobre, particolarmente “gravi e prese con metodi da rivedere”.

Tavoli e sedie all’aperto non autorizzati: chiuse per 5 giorni 10 attività del centro

“I provvedimenti di chiusura emessi dal sindaco Tambellini nei confronti di alcuni locali del centro storico – dichiara Barsanti in una nota – sembrano quantomeno discutibili. Siamo di fronte a sanzioni particolarmente dure comminate in presenza di contestazioni diverse, alcune delle quali potevano essere evitate. Ma c’è di più: come avviene anche nei casi di rilevazioni dei decibel nei confronti dei locali, gli agenti della Polizia Municipale emettono verbali senza interfacciarsi minimamente con l’esercente, senza nemmeno parlare con il titolare”.

“In un momento storico in cui sul suolo pubblico vige una regolamentazione particolarmente elastica a causa dell’emergenza sanitaria – continua Barsanti – compresa la gratuità dell’occupazione, fa specie leggere di verbali di chiusura emessi anche nei confronti di locali che hanno sempre pagato, ma che, proprio per l’equivoco della gratuità stessa, non hanno chiesto l’autorizzazione o hanno trovato difficoltà con la burocrazia. Oppure nei confronti di esercizi chiusi che hanno occupato spazi minimi di suolo pubblico in prossimità dell’entrata del negozio. Un eccesso di zelo probabilmente fuori luogo in rapporto alle difficoltà del momento e alla stagione non favorevole, e che contrasta con le continue segnalazioni che, anche il sottoscritto, ha fatto in Consiglio su alcuni negozi di oggettistica varia che espongono materiale al di fuori della soglia e dei limiti consentiti dai regolamenti; segnalazioni che tuttavia nessuno raccoglie mai. Siamo di fronte a due pesi e due misure?”.

“Dopo la disastrosa gestione delle luci di Natale – conclude il consigliere di Difendere Lucca – arriva un’altra stangata ai commercianti lucchesi da parte di una giunta che, in dieci anni, non ha fatto che contribuire al peggioramento del tessuto commerciale della città e rendere il centro storico sempre meno appetibile. Anche nel commercio, in totale assonanza con gli altri settori, siamo in presenza di un bilancio disastroso per l’amministrazione Tambellini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.