Quantcast

Caro bollette, le civiche di sinistra portano i rincari in consiglio comunale

Presentato un documento congiunto a Lucca, Capannori e Massarosa per chiedere ammortizzatori per gli aumenti di gas e luce e investimenti nell'energia rinnovabile

Più interventi per ammortizzare gli aumenti di gas e luce. È questa la richiesta portata all’esame dei consigli comunali di Lucca, Capannori e Massarosa su iniziativa congiunta delle forze civiche di sinistra.

Una mozione unitaria è infatti stata presentata rispettivamente dai consiglieri di Sinistra con a Lucca (Daniele Bianucci, Pilade Ciardetti, Francesco Lucarini), Sinistra con Capannori (Marco Bachi) e Sinistra comune (Michela Sargentini e Federico Gilardetti). Il testo, nelle singole realtà, è stato sottoscritto anche da altri consiglieri comunali di centrosinistra, e resta a disposizione per iniziative analoghe pure in ulteriori comuni.

La mozione raccoglie le preoccupazioni delle famiglie e le realtà economiche per gli spropositati balzelli in corso, esprime la preoccupazione per le difficoltà che dovranno affrontare i Comuni nell’erogazione dei servizi pubblici a causa dei costi maggiorati di gas e luce, e chiede un immediato intervento del governo: sia per ridurre gli aumenti (facendo ricorso a contributi straordinari da chiedere a chi detiene redditi e patrimoni alti ed altissimi ed a chi ha realizzato guadagni straordinari proprio in questa fase di pandemia), sia affinché siano compiute scelte politiche forti per l’efficientamento, il risparmio energetico e la transizione ecologica, per un deciso aumento della produzione di energia rinnovabile, per nuove politiche di approvvigionamento e di lotta alle speculazioni.

“Con questa iniziativa congiunta, da amministratori ci poniamo l’obiettivo di portare nell’ambito delle istituzioni locali del territorio un tema importantissimo e urgente per l’intera nostra comunità, in modo che dai Comuni si levi una voce forte che provi a spingere il governo nazionale a scelte non più rimandabili – sottolineano i promotori –. Come ben sappiamo, l’anno è iniziato registrando aumenti vertiginosi delle bollette di luce e gas, che risultano insopportabili per milioni di famiglie, in particolare quelle con redditi medi e bassi, nonché per le attività economiche. Per il primo trimestre dell’anno, gli incrementi previsti sono del più 55 per cento per l’elettricità e del più 41,8 per cento per il gas. Secondo i calcoli delle associazioni dei consumatori si tratta di una stangata di più di mille euro a famiglia. Le cause di tali rincari sono da ascrivere all’eccessiva dipendenza, del nostro Paese, all’approvvigionamento dal gas, e quindi nella nostra esposizione alle fluttuazioni dei prezzi, causate da speculazione finanziaria o logiche geopolitiche”.

“Pertanto, come soluzione strutturale, si pone la necessità di aumentare decisamente la presenza di energie rinnovabili, prodotte direttamente nel nostro mix energetico – proseguono -. Gli interventi decisi a oggi dal governo, che tra l’altro sponsorizza nucleare e gas nella tassonomia verde dell’Ue, risultano assolutamente insufficienti; le amministrazioni comunali, per di più in un quadro critico rispetto alle risorse a disposizione dei bilanci locali, stanno cercando con tutti i mezzi (bandi, sostegni alla morosità, progettualità sulle linee di stanziamento possibili) di farsi carico delle difficoltà che le bollette sempre più esose comportano sulla tenuta economica e sociale delle famiglie del territorio, con particolare riferimento a quelle a rischio marginalità, e delle nostre attività economiche; ma per far fronte alle nuove stangate in arrivo è indispensabile e urgente un intervento straordinario da parte del governo, che riduca drasticamente gli aumenti, e compia finalmente scelte di vera ed efficace transizione ecologica”.

Nella mozione si chiede che, una volta approvato, il testo sia trasmesso alla presidenza del consiglio dei ministri, alla presidenza della camera dei deputati e del senato della Repubblica, all’Associazione nazionale comuni italiani e ai parlamentari espressione del territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.