I permessi all’Hotel Universo in commissione controllo e garanzia. Bindocci: “La fiera degli errori”

Il consigliere del Movimento Cinque Stelle: "Siamo i soli a fare battaglia di verità e trasparenza sull'operato di questa amministrazione"

Questa mattina (7 marzo) si è svolta la Commissione controllo e garanzia richiesta da Massimiliano Bindocci, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle e poi convocata dal presidente della commissione Remo Santini.

L’ordine del giorno, come spiega Bindocci, “riguardava la documentazione relativa ai permessi della famosa scala anti incendio dell’hotel Universo alla luce dei recenti articoli apparsi sulla stampa nazionale e locale”.

“È stato molto interessante apprendere dagli assessori Mammini e Martini – prosegue il consigliere – che l’attuale determina dirigenziale, con cui si definisce la situazione relativa alla scala e ai pagamenti del suolo pubblico che questa occupa, è di fatto irregolare perché cita un numero di protocollo di fatto inesistente, ma che non verrà adeguata alla realtà se non in caso di ricorso. La concessione con cui nel 2017 si autorizzava la scala riporta addirittura tre date diverse, ed un atto da Ritorno al futuro, protocollato un mese prima che venisse emesso”.

“Stupisce – si legge nella nota di Bindocci – anche che la concessione niente dice a proposito del fatto che la stessa era valida solo per due anni e che quindi, una volta scaduta, ha lasciato la scala ‘scoperta di copertura’ per circa un anno intero. Che dire poi del fatto che due documenti firmati dallo stesso dirigente con lo stesso numero di protocollo riportino cose diverse (uno ha la clausola di decadenza dopo due anni nel caso l’ attività non apra e l’ altro senza questa previsione). Domande che hanno trovato una unica risposta: nessun favoritismo ma solo banali refusi. Chissà se i giornali non avessero fatto tanto clamore come sarebbero andate le cose?”.

“Sicuramente apprezzabile la preoccupazione del consigliere Guidotti che si è dimostrato interessato al fatto che l’hotel non abbia pagato più di quanto dovuto per il suolo pubblico occupato. Ad ogni modo – conclude Bindocci – a tutela di tutti ci impegniamo a fare un accesso agli atti per accertare quanto è stato pagato dall’hotel Universo per questa causale. Ringraziamo il presidente della Commissione Santini che ha consentito questa operazione. Verità è trasparenza, ma siamo veramente imbarazzati per la fiera di errori e disattenzioni su questa opera e per il fatto che siamo davvero soli a fare una battaglia di verità è trasparenza sull’operato di questa amministrazione”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.