Pardini (Difendere Lucca): “Servono fatti concreti per mettere in sicurezza la via Pisana”

Il candidato consigliere per Barsanti sindaco: "Lo dobbiamo a tutti coloro che sono morti in questi anni e agli abitanti delle frazioni attraversate dalla strada"

“Servono fatti concreti per mettere in sicurezza la via Pisana”. A chiederlo è Luca Pardini, montuolese doc e candidato nella lista Difendere Lucca Barsanti sindaco alle prossime elezioni comunali del 12 giugno.

“L’incidente mortale avvenuto alcuni giorni fa sulla via Pisana, poco dopo Cerasomma, rappresenta purtroppo soltanto l’ultimo di una lunga e tragica serie, a cui vanno sommati numerosi altri sinistri, anche di rilevante gravità, che hanno coinvolto abitazioni e persone su questa strada. Il numero degli incidenti stradali, anche mortali, verificatosi sulla via Pisana e i rischi connessi a persone e abitazioni, non sono più tollerabili. Gli abitanti di Cerasomma, Montuolo, Fagnano e Sant’Angelo – continua Pardini – sono stufi dell’immobilismo di coloro (amministratori pubblici inclusi) che avrebbero dovuto attivarsi per porre fine a questa scia di sangue sulle nostre strade. Gli anni passano e le problematiche restano sempre le medesime. Non dobbiamo aspettare che si verifichi l’ennesima tragedia per fare qualcosa”.

“Servono fatti concreti in grado di mettere in sicurezza questa strada. Ho portato alcune proposte all’attenzione di Fabio Barsanti e che vogliamo realizzare insieme in Consiglio comunale: bisogna realizzare marciapiedi pedonali, una migliore segnaletica e potenziare l’illuminazione stradale, serve un nuovo parcheggio per la scuola elementare di Montuolo, per risolvere il caos veicolare attuale e occorre intercettare fondi per realizzare una pista ciclabile per collegare le frazioni della zona ovest al centro, da collegare alla rete già esistente. Il fosso La Ducaia potrebbe essere usato allo scopo, con piste anche ‘sospese’, come fatto sul Garda. Insieme a Fabio Barsanti porteremo nelle sedi opportune queste proposte e mi batterò personalmente affinché si passi dalle parole ai fatti. Lo dobbiamo a tutti coloro che sono morti in questi anni e agli abitanti delle frazioni attraversate dalla Via Pisana che giustamente ci chiedono a gran voce dei fatti concreti per mettere in sicurezza questa strada”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.