Metropolitana di superficie, Raspini svela il progetto: “Si andrà da Lucca a Livorno in meno di 40 minuti” foto

Il candidato sindaco del centrosinistra: "A giorni la sigla ufficiale dell'accordo con gli altri Comuni"

“Collegare le città significa farle crescere: per questo il futuro di Lucca passa dalla metropolitana di superficie Lucca-Pisa-Livorno”. A dirlo è Francesco Raspini, candidato sindaco alle elezioni comunali del 12 giugno 2022, che accende i riflettori su uno dei punti salienti del programma elettorale e uno dei temi più sentiti dal territorio: quello della viabilità, della mobilità e della dotazione infrastrutturale. Per la metropolitana di superficie Lucca-Pisa-Livorno c’è già l’accordo tra i Comuni, sulla base del protocollo deliberato nei mesi scorsi dalle amministrazioni comunali lucchese, pisana, livornese e fiorentina. Un atto che nei prossimi giorni sarà siglato ufficialmente e che mette in relazione i tre Comuni capoluogo dell’area costiera con Firenze con l’obiettivo di agganciare questa parte di Toscana al resto della regione e, soprattutto, al resto d’Italia e d’Europa.

“Una linea metropolitana capace di collegare in modo continuo e veloce Lucca, Pisa e Livorno – spiega Francesco Raspini -: un collegamento strategico che, grazie anche al parcheggio scambiatore in zona San Donato, potrà consentire ai lucchesi di arrivare in centro senza usare l’auto e di raggiungere Livorno in meno di 40 minuti. Questo significa velocizzare e rendere più frequenti anche i collegamenti con Pisa, soprattutto per quanto riguarda l’Università e l’aeroporto. La mobilità è la vera sfida dei prossimi anni, che va a braccetto con quella dell’ambiente: poter dotare il nostro territorio di infrastrutture che consentano di usare meno l’auto, magari eliminando anche alcuni passaggi a livello, e di integrare maggiormente diverse tipologie di mezzi di trasporto significa decongestionare il traffico e rendere più attrattiva la nostra città. Penso ai cittadini più giovani, penso ai pendolari-lavoratori, penso ai turisti, penso alle famiglie, alle imprese, a quelle che già operano qui, a quelle che vorrebbero investire qui”.

“Ci sono i progetti, ci sono le risorse e c’è la volontà politica di investire su questa parte di Toscana puntando proprio sulla mobilità sostenibile – conclude Francesco Raspini -. Oltre al raddoppio ferroviario, a Lucca nascerà l’hub della mobilità sostenibile, nell’area della stazione: da qui partirà la metropolitana di superficie Lucca-Pisa-Livorno, mentre con i parcheggi scambiatori si darà possibilità ai cittadini di raggiungere il centro con il treno e non con l’auto e di sfruttare le tante opportunità di mobilità sostenibile che nasceranno proprio nell’area dell’hub della mobilità, a partire da bike e car-sharing. Agganciare Lucca alle direttrici d’Italia e con essa il resto della Toscana di costa: questa è la strada, quello che serve adesso è premere sull’acceleratore, mettere in campo le competenze e i progetti già disponibili per non far perdere a Lucca questa possibilità”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.