Quantcast

San Concordio, le liste per Pardini: “Contratto liberticida, da Raspini silenzio assordante”

Santini, Di Vito e Pieri: "La sinistra non si è nemmeno associata all'impegno di rimuovere immediatamente questo accordo vergognoso"

“Sono passati ormai tre giorni da quando abbiamo illustrato alla città la raccapricciante transazione stipulata dal Comune di Lucca con i due cittadini di San Concordio che, raggiunti dalle pretese risarcitorie dell’ente, hanno deciso di conciliare. Ma da parte dell’amministrazione comunale, e dal candidato sindaco della sinistra Francesco Raspini, è calato un silenzio assordante”. Lo sostengono in una nota Remo Santini, Alessandro Di Vito e Massimo Pieri dopo aver illustrato, nei giorni scorsi, le carte del contratto di transazione.

San Concordio, le liste di Pardini: “A chi rinnega la lettera di scuse il Comune chiederà 10mila euro”

“Un contratto nel quale, lo ricordiamo, nel quale  il Comune ha posto, nero su bianco, il divieto per i cittadini di poter dire che, sui fatti relativi alla causa risarcitoria a San Concordio, la pensano come le forze politiche oggi a sostegno di Mario Pardini, pena il pagamento di una penale di 10 mila euro – proseguono -. Non solo la sinistra non ha commentato un atto che rappresenta un’incredibile compressione della libertà di espressione del cittadino, in pieno periodo elettorale, ma non si è nemmeno associata all’impegno, fatto invece proprio dagli altri candidati sindaco, di rimuovere immediatamente questo accordo vergognoso dal mondo giuridico. Chissà, forse qualcuno nel campo avverso pensa tutto sommato che tenere in piedi questo contratto liberticida sia utile, almeno fino al ballottaggio di domenica 26 giugno. Quella parte che inneggia alle derive autoritarie in caso di vittoria di Pardini, dovrebbe invece guardarsi in casa e condannare i metodi, quelli sì prepotenti e antidemocratici, con cui si è messo a tacere il dissenso”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.