Dalla raccolta differenziata ai locali pubblici, l’appello di Vcs a Pardini: “Risolviamo i problemi di Lucca”

Il comitato: "Siamo a disposizione fin da subito per contribuire a risollevare la città"

“Dopo esserci congratulati personalmente con il nuovo sindaco Mario Pardini, ringraziandolo per la disponibilità dimostrata a riceverci e a rispondere alla nostre domande prima delle elezioni, cosa che purtroppo non siamo riusciti a fare con il candidato Raspini che non ci ha mai degnato di riscontro, desideriamo metterci a disposizione fin da subito per contribuire, con i nostri limiti, a risollevare Lucca dal basso livello in cui è precipitata”. Sono le parole del comitato cittadino Vivere il centro storico, che a ridosso dell’elezione del nuovo sindaco di Lucca Mario Pardini, delinea i punti considerati fragili di Lucca, rivolgendosi direttamente al neoeletto.

“Nell’attesa di poter intavolare discussioni più articolate, abbiamo piacere di ricordare alcuni punti contenuti nelle nostre domande che riguardavano problematiche ben precise e che potrebbero essere risolte immediatamente sulla base della convergenza di massima emersa nelle risposte. Ci auguriamo che la caserma Lorenzini venga adibita da subito a parcheggio residenti, almeno fino a quando l’immobile non sarà destinato ad altre funzioni”.

“Vista la penuria di stalli residenti, ci auguriamo che il bike sharing (quelle pittoresche biciclette tipo gelataio che nessuno utilizza) venga subito rimosso per restituire ai residenti preziosi stalli di sosta sottratti loro senza alcuna utilità. Il rispetto delle leggi per quanto riguarda i locali pubblici – continua il comitato cittadino – è un argomento molto sentito in alcune zone della città e che ha visto dei tavoli di concertazione già avviati dalla precedente amministrazione. Si tratta soltanto di giungere alla conclusione e trovare soluzioni che siano rispettose della legge”.

“La liberazione della circonvallazione dai tir potrebbe essere un altro argomento facile da risolvere, visto che a Capannori ci sono dei cartelli stradali che il ministero ha dichiarato illegittimi da due anni ma che continuano ad essere al loro posto”.

Ci associamo all’Ascom quando chiede maggiore sensibilità nella raccolta dei rifiuti per il fatto che le poche centinaia di turisti che alloggiano nel centro storico hanno difficoltà a dormire per la rumorosità del servizio. Ci permettiamo di rilevare che oltre a queste poche centinaia di turisti ci sono anche circa 9mila residenti che hanno gli stessi problemi e che combattono questa battaglia da anni”.

“Questo è un argomento che chiederemo di affrontare con la nuova amministrazione – conclude – non tanto con le consuete frasi di circostanza post elettorale, bensì con i dettagli tecnici che abbiamo studiato durante gli ultimi anni e che peraltro sono sempre stati  ignorati dalla precedente amministrazione”.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.