Giunta, più lunghi i tempi per l’annuncio. Attesa per la convocazione del primo Consiglio

I nomi certi, quelli papabili e le possibile deleghe ai consiglieri per la squadra di governo di Mario Pardini

Giunta, il sindaco Mario Pardini vuole accelerare, ma fra i partiti e le liste civiche c’è qualcuno che frena.

Sono animati da due diversi spiriti, fra cui c’è da trovare il giusto equilibrio, il neo primo cittadino e le realtà che lo hanno appoggiato al primo turno e poi al balottaggio. Ecco perché i tempi, che nelle intenzioni di Pardini avrebbero dovuto essere brevissimi (si attendeva l’annuncio della giunta già per questo fine settimana) sono destinati ad allungarsi almeno ad inizio della prossima.

Niente di preoccupante, si intenda. L’obiettivo, comune, è quello di dare adeguata rappresentatività a tutte le componenti della coalizione allargata di centrodestra e allo stesso tempo garantire l’inserimento in giunta delle persone giuste nei diversi ruoli per partire fin da subito con un’azione di governo efficace e costruttiva. In questo senso si stanno vagliando i nomi e limando le deleghe, fermi restando gli equilibri fra le parti ormai stabiliti.

Sembrano certi di un incarico nella prossima squadra di governo di Mario Pardini, sui 9 posti a disposizione per la giunta (ma a questi, è certo, si aggiungeranno una serie di consiglieri delegati) Elvio Cecchini di Lista Civile, Fabio Barsanti di Difendere Lucca, Simona Testaferrata per Fratelli d’Italia, Paola Granucci per Lucca2032 e Remo Santini per la componente di SiAmo Lucca di Forza Italia – Udc. Mancano quattro nomi, fra cui due donne che dovrebbero rappresentare Fratelli d’Italia (con con Nicola Buchignani e Mara Nicodemo in pole), Difendere Lucca (Mia Pisano o Beatrice Venezi “tecnica”) e Lega (Giovanni Minniti), secondo le ultime indiscrezioni, oppure comprendere, a discapito di queste, una figura tecnica di area di centrodestra. A Lucca2032 toccherà anche la presidenza del Consiglio, destinata al consigliere uscente Enrico Torrini. Deleghe quasi certe come consiglieri dovrebbero andare a Cristina Consani di Lucca2032 e ad Alessandro Di Vito, consigliere uscente di SiAmo Lucca ed eletto nelle fila di Forza Italia-Udc, che potrebbe ricoprire lo stesso ruolo che nell’ultima consiliatura è stato di Cristina Petretti.

In attesa di sciogliere gli ultimi nodi (che danno già un occhio agli equilibri da rispettare in vista nelle nomine in aziende speciali e partecipate, che dovranno tener conto anche di chi ha garantito un appoggio esterno alla coalizione allargata) prosegue intanto l’attività istituzionale del neo primo cittadino che ieri mattina ha presenziato alla presentazione dell’edizione 2022 di Lucca Jazz Donna mentre ieri sera (1 luglio) era in prima fila per il concerto di ‘compleanno’ del San Francesco restaurato organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. La sua presenza è stata calorosamente salutata dal presidente Marcello Bertocchini e in molti hanno voluto congratularsi con il primo cittadino in una delle sue prime apparizioni pubbliche ad eventi culturali della città.

Dopo una domenica di meritato riposo (ma anche domani non mancheranno eventi cui il sindaco dovrà presenziare) da lunedì Pardini è chiamato a tirare le fila della squadra di governo: nell’arco della settimana, infatti, ci sarà la convocazione del primo consiglio comunale che si dovrà tenere entro i 10 giorni successivi, indicativamente fra il 13 e il 16 di luglio.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.