Colucci: “La sconfitta di Raspini e la fine dell’era Tambellini apre nuove possibilità al terzo polo”

L'esponente dei Rifomisti: "Noi penalizzati dalla polarizzazione della sfida tra candidato del Pd e quello del centrodestra"

“Il risultato del terzo polo a Lucca vede molti chiaroscuri: il tre e mezzo per cento ottenuto non è soddisfacente anche perché i sondaggi che ci davano al sei”. E’ la riflessione che fa sul voto Francesco Colucci dei Riformisti.

“La polarizzazione della sfida fra un candidato Pd che per la sua continuità con Tambellini e il suo isolamento appariva battibile – afferma Colucci – e quello del centro destra che sembrava in grande crescita, ha tolto acqua di vegetazione alla nostra proposta”.

“Abbiamo perso last minute il candidato a sindaco, ideale, Giorgio Del Ghingaro e il suo potenziale successore, Mario Pardini ci è stato scippato per un forte e imprevisto ritorno di interesse dal centro destra. Non ci ha aiutato lo scarso amore romano fra Calenda e Renzi, anche se a Lucca vi è grande amicizia fra i partiti del centro”.

“Siamo tornati all’anno zero? No – sostiene Colucci -, perché la situazione che si è determinata, con la sconfitta del gruppo di poter legato a Tambellini e l’elezione di un civico di centro, come Mario Pardini, che rischia di essere ostaggio di una destra molto aggressiva, apre per il terzo polo e le forze riformiste vaste praterie in cui operare, se si hanno le idee chiare. Si apre la strada a quel cambiamento cui anelava la parte culturalmente più impegnata della società civile lucchese e che era uno dei pilastri del nostro programma. Scompare con Tambellini, una gestione del Pd chiusa, presuntuosa e intollerante, che ci aveva precluso, con arroganza, un possibile iniziale accordo di centro-sinistra, con la speranza che forse nuove, laiche, moderne emergano a sinistra e si possa riprendere un confronto e un dialogo”.

“Il potentato dei Marcucci e la loro gestione – afferma Colucci – si è indebolita ulteriormente, per le distanze prese da Letta, i cambiamenti aziendali e la sconfitta elettorale. Non pare ci siano a sinistra uomini o donne che possano ricoprire, a breve, gestioni di potere e di consensi nel Pd e nella società civile lucchese, come quelle che stanno tramontando. L’elezione del civico Mario Pardini, con la presenza forte di una destra più aggressiva, pone con forza l’esigenza che il centro democratico operi, sia pure nella diversità dei ruoli, con intenti comuni, per un cambiamento sì, ma moderato e responsabile. Ci sono le premesse perché il terzo polo, possa trovare spazi al centro e a sinistra, portando avanti politiche coraggiose, senza ideologismi di vecchio stampo. Il terreno di confronto deve essere programmatico, di contenuti e non schematico, contribuendo ad elaborare un disegno di prospettiva a lungo termine che sappia volare alto, per riportare Lucca nel suo naturale contesto culturale europeo e occidentale”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.