Menu
RSS

Truglio (SìAmo Lucca): "Troppe le carenze socio-sanitarie"

ginatruglioLa candidata di SiAmo Lucca Gina Truglio spiega i motivi della sua candidatura, che nasce dall’amarezza nel vedere un settore importante per la vita di tante persone, quello socio-sanitario, assolutamente e sempre a carico delle famiglie.


“Sono tornata alla politica - dice - nella lista civica di SiAmo Lucca con Remo Santini, che mi ha convinto per la sua sensibilità e capacità, dopo le passate esperienze all'Isola d'Elba e a Livorno, in questa città che mi ha accolto quasi una decina di anni fa, perchè dopo la mia triste esperienza familiare nell'ambito socio-sanitario ho constatato, purtroppo, che ben poco è cambiato e che tutte le responsabilità sono ancora a carico delle famiglie".
"Leggo spesso - dice entrando nel vivo - in questi giorni elenchi interminabili di cose fatte, ma il centro diurno per disabili di via Carlo Del Prete - giusto per fare un esempio - aperto ormai da tantissimi anni non vede ancora un montascale di accesso degno di questo nome, a norma, per le persone con problemi motori. Tantissime sono state le famiglie che negli anni hanno protestato e la sua gestione ha del comico se non fosse che si sta parlando di cose terribilmente serie. La precedente rampa non garantiva sicurezza in caso di pioggia, e da lì è iniziata l'odissea: realizzata sbagliata, poi il servizio affidato ad un'associazione esterna, fino all'attuale in legno, assolutamente inadatta esternamente. Purtroppo posso "vantarmi", di sapere cosa significa perchè il mio babbo a causa della sua malattia era su una carrozzina e vi garantisco che non è un gioco tantomeno uno spot elettorale... Aspettiamo con ansia che la cooperativa vincitrice della gara di appalto per la gestione dello stesso, la renda finalmente a norma così, come i bagni interni anche quelli non accessibili agli stessi disabili".
"Vorrei parlare di progetti concreti e non di un libro dei sogni - prosegue - Campo di Marte, altro esempio. E’ una grande potenzialità per il nostro territorio, un posto che accolga degnamente i disabili e le persone che subiscono incidenti o malattie invalidanti permanenti. Questo ruolo non può essere svolto dal centro che si trova a Barga e mi chiedo perchè non si possa creare a Lucca, capoluogo di provincia. Questa grande area che ospitava l'ex complesso ospedaliero di Campo di Marte,deve avere la destinazione di un Polo multifunzionale per i servizi territoriali sanitari e sociali, magari anche con una piscina solo per disabili. Ma la politica, una certa politica, va certo verso un ridimensionamento degli ospedali senza curarsi del disastroso abbandono dei servizi territoriali che invece avrebbe dovuto essere rafforzato mettendo il malato al centro dell'assistenza. Dobbiamo fare in modo, quindi che gli edifici esistenti siano mantenuti al servizio delle persone con bisogni di assistenza socio sanitaria e non ad altri usi speculativi e mascherati da finti bisogni”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter