Menu
RSS

Gara Tpl, interrogazione in consiglio regionale. Ceccarelli: "Fase finale di una complessa razionalizzazione"

"La gara è solo lo strumento con cui si attua la parte finale del processo di riforma innescato sul trasporto pubblico locale e che ha richiesto una complessa azione da parte della Regione. Azione che punta ad una profonda revisione e razionalizzazione della rete, garantendo al contempo la piena salvaguardia per gli addetti e gli investimenti realizzati con risorse pubbliche". Così l'assessore regionale ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli ha risposto in aula ad un'interrogazione del gruppo M5S sul trasporto pubblico locale.
Secondo quanto riferito, il processo di riforma richiamato dall'assessore prevede la "realizzazione del progetto di rete per il quale la Regione ricerca un gestore che abbia la capacità di governare tutti gli aspetti della necessaria riorganizzazione produttiva". "Proprio in virtù di questo progetto – ha rilevato Ceccarelli – che caratterizza la gara della Regione, della sua complessità in nessun caso riconducibile ad un semplice appalto di servizio, che la stessa Autorità Garante per il mercato e la concorrenza ha definitivamente superato le perplessità inizialmente avanzate, ritenendo ammissibile il lotto unico regionale". "In altri termini – ha ribadito l'assessore – è proprio l'Autorità che certifica il carattere 'speciale' di questa gara come strumento della riforma e della riconversione di rete produttiva del comparto Tpl voluta dalla Regione".
Sul punto dell'interrogazione che investiva la giunta della questione dei conflitti di interesse tra società erogatrici del servizio pubblico e altre società specializzate in manutenzioni e ricambi, l'assessore ha specificato come la Regione abbia "pienamente perseguito la separazione più netta fra compiti di regolazione e affidamento dei servizi e quelli di gestione".
Insoddisfatto della risposta si è dichiarato il consigliere Gabriele Bianchi: "Rimane tutto molto vago", ha dichiarato evidenziando, tra l'altro, come non si "capisca la funzione dirigenziale" e come siano "palesemente evidenti i conflitti di interesse". "Rileviamo una catastrofe che si rinnova anno dopo anno", ha concluso.

Leggi tutto...

Occupazione in Toscana, Rossi sui dati Cgia di Mestre: "Ci sono le basi per la ripresa"

"Il quadro nazionale è ancora complesso, ma i numeri della Cgia di Mestre sull'occupazione negli ultimi sette anni dicono che la Toscana, nel periodo della grande crisi, ha saputo resistere e che oggi ci sono basi serie per ripartire". Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, commenta così il "combinato disposto" del rapporto del Fondo monetario internazionale sull'Eurozona (che parla di un ritorno ai livelli di disoccupazione pre crisi solo tra vent'anni) e i numeri sull'occupazione in Italia elaborati dalla Cgia di Mestre su dati Istat. Tra il 2008 e il 2015 – secondo i dati – gli occupati in Toscana sono calati di 39 mila unità, con una differenza del -2,5 per cento, uno dei risultati migliori a livello nazionale, tra le grandi regioni seconda solo alla Lombardia.

Leggi tutto...

Rendiconto Regione, ok in Consiglio ma è scontro sulle partecipate

Il Consiglio regionale approva a maggioranza il rendiconto generale della Regione per l'anno finanziario 2014: l'aula di palazzo Panciatichi ha detto sì, con 23 voti a favore (quelli della maggioranza), 13 contrari (dei gruppi di minoranza Lega, M5S, Forza Italia, Fdi) e un astenuto (Tommaso Fattori, Sì-Toscana a sinistra). Il rendiconto generale comprende il conto del bilancio, con i risultati della gestione delle entrate e delle spese, ed il conto del patrimonio, con i risultati della gestione patrimoniale. Al termine dell'esercizio 2014, le previsioni risultano pari a 20 miliardi e 216 milioni di euro, con accertamenti per 11 miliardi e 330 milioni ed impegni per 11 miliardi e 694 milioni, con una differenza negativa nella gestione di competenza di 364 milioni. A fronte di riscossioni per 11 miliardi e 32 milioni di euro, si registrano pagamenti per 10 miliardi e 784 milioni, con un avanzo di cassa di 248 milioni.
I residui attivi sono pari a 5 miliardi e 159 milioni, di cui 3 miliardi e 14 milioni provenienti dal conto residui, con un decremento del 36,16% rispetto all'esercizio precedente, quando ammontavano a 4 miliardi e 722 milioni. I residui passivi sono pari a 5 miliardi e 654 milioni, con un aumento del 5,58% rispetto all'esercizio precedente. Ne sono stati eliminati, per insussistenza, prescrizione o perenzione, per 611 milioni di euro.
L'esercizio 2014 si chiude con un disavanzo finanziario di 247 milioni di euro e con un residuo di cassa di 248 milioni di euro. La situazione patrimoniale presenta un saldo negativo di 3 miliardi e 448 milioni.

Leggi tutto...

Migranti, il modello Toscana sul New York Times

Il "modello toscano" di accoglienza dei profughi viene segnalato dall'edizione internazionale del New York Times, nel contesto di un articolo a firma di Celestine Bohlen che, fin dal titolo (Italian towns push back on migrants, le città italiane respingono i migranti), segnala le difficoltà registrate in questi mesi a livello nazionale. Dopo aver segnalato i violenti scontri a Roma e a Treviso, il giornale americano ricorda infatti che la "Toscana, regione di sinistra conosciuta per i suoi generosi programmi sociali, ha proposto il proprio modello basato su insediamenti sparsi di non più di 20 o 30 migranti".

Leggi tutto...

Regione, sì a due commissioni permanenti, a inchiesta su Forteto e osservatorio su riforma province

Sì unanime dell'aula alle proposte di delibera per l'istituzione delle commissioni permanenti per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera e per le politiche europee e gli affari internazionali. Via libera unanime anche agli atti che istituiscono la commissione d'inchiesta sul Forteto e l'osservatorio sulla città metropolitana e sul riordino delle funzioni provinciali.

Leggi tutto...

Mugnai (FI): "Si taglia nella sanità ma le partecipate vengono preservate"

"Malgrado gli annunci preelettorali le partecipate sono state preservate. Malgrado le affermazioni i tagli in sanità sono stati già fatti e altri ne arriveranno. Di che si parla? A questo atto Forza Italia esprimerà voto contrario": questo è in sostanza il contenuto dell'intervento con cui il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Stefano Mugnai si è espresso in dichiarazione di voto rispetto al rendiconto generale per l'anno finanziario 2014.

Leggi tutto...

L'acqua toscana migliore della media nazionale, 56 interventi per elevare il livello di depurazione

acquaAcqua toscana promossa: qualità discreta, al di sopra della media nazionale. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto che la Regione ha inoltrato al ministero dell'Ambiente, con tutta la documentazione richiesta dalla Commissione europea che poi valuterà le attività in corso. Tra le informazioni anche quelle relative il programma di interventi per fogne e depurazione:  56 quelli necessari per un totale di 129,3 milioni di euro di investimenti, tutte risorse (in tariffa) già disponibili e programmate per la realizzazione degli interventi finalizzati a risolvere i problemi della procedura d'infrazione. Sette sono già conclusi, 26 in corso, cinque in appalto e quattro in corso di progettazione, con l'obiettivo di concluderli tutti nell'arco di tre anni.  Il livello di depurazione delle acque, grazie ai nuovi interventi, salirà ulteriormente, passando dal 91% al 96%.
"La genesi di questi buoni risultati va cercata sicuramente nella scelta lungimirante di costituire l'Ait e di questo siamo molto soddisfatti", ha detto l'assessore all'Ambiente Federica Fratoni. "L'Autorità Idrica Toscana - ha aggiunto - il direttore Alessandro Mazzei - sta monitorando semestralmente l'avanzamento delle opere, in modo da essere sicuri che saranno consegnate dai gestori nei tempi previsti, per evitare multe dalla Commissione europea". Per ulteriore tutela ambientale comunque saranno realizzati interventi per ulteriori 94 milioni di euro sugli scarichi al di sotto dei 2000 abitanti, non regolamentati dalla Comunità europea, ma che comunque sono ritenuti importanti in Toscana per migliorare situazioni locali. Sono interventi che verranno realizzati in cinque anni e che incideranno per un 1% sull'attuale capacità depurativa portandola a circa il 97%.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter