Menu
RSS

Mortalità, Marchetti (FI): "Decessi in aumento dopo la riforma di Rossi"

marchettiok"Valutare la qualità dell’offerta sanitaria alla luce dei dati sulla mortalità rilevati da Istat? Beh, se seguo Rossi e applico questo metodo alla Toscana, negli anni successivi alla riforma sanitaria voluta da lui e Saccardi nel 2015 i decessi sono cresciuti dai 42.477 del 2016 ai 44.521 del 2017, e parrebbero crescere ancora". Toni aspri quelli usati da Maurizio Marchetti, capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale, utilizzati dopo aver letto il post su Facebook con cui il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi metteva in relazione i dati 2017 sulla mortalità ed eventuale contrazione di fondi ministeriali alle Regioni per il comparto salute in vista del 2019. 

"Ho voluto fare esattamente quel che annunciato da Rossi - scrive Marchetti - ho dato mandato ai miei uffici di ricavare i dati sulla mortalità in Toscana successivi alla riforma 2015. Abbiamo attinto ai data set messi a disposizione dall’Istituto nazionale di statistica sul sito e sul portale specificatamente dedicato ai bilanci demografici sempre dell’Istituto, dove i dati sono più freschi. Ebbene: dopo un picco nel 2015 del tutto congruente con quanto rilevato a livello nazionale, nel 2016 il numero di decessi in Toscana è tornato sul trend degli anni pre-riforma con 42477 persone, già lievemente di più, comunque, di quanto accadeva nel 2013 e 2014. Nel 2017, poi, si sono registrati 44.521 decessi, 2mila in più. Per il 2018 i soli dati per ora a disposizione sono quelli relativi al primo quadrimestre (gennaio-aprile) e censiscono già 16.006 decessi. Io mi rifiuto di fare una moltiplicazione con fattore 3 così ‘a crudo’, perché le variabili poi sono tante e non voglio gufare sui toscani".
"Fatto sta - continua il capogruppo - che il trend mi pare in crescita. E se devo seguire il ragionamento avanzato stamani da Rossi devo dedurre che l’offerta di salute toscana così come è dopo la riforma del 2015 ha avuto impatto avverso. Rossi ha ragione: tagliare in sanità compromette l’aspettativa di vita dei cittadini. Io i social network li frequento poco. Devo però ringraziare Rossi per questa nuova chiave di lettura e dopo stamani ci guarderò più spesso. Intanto non vorrei che Rossi abbia in mente nuovi impoverimenti nei servizi e volesse solo mettere le mani avanti".

Ultima modifica ilGiovedì, 04 Ottobre 2018 15:55

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter