Menu
RSS

Acf, una sfida che genera sapere e cambiamento

foto1L’Acf (associazione consulenza per la famiglia) onlus nasce il 2 ottobre del 1978, e da sempre la sua mission è di carattere educativo, culturale e sociale, volta al sostegno psicoeducativo della persona. L’attività specifica dell’Acf è lavorare sulla prevenzione primaria, cioè aiutare la persona a cambiare i propri atteggiamenti e comportamenti sociali, aiutandola a creare delle buone e sane relazioni. 

I servizi dell’associazione si esplicano attraverso le quattro aree di intervento: consultorio La famiglia, centro accoglienza alla vita, Sos angeli - La voce del silenzio, e l’area olistica. Dal 1978 l’Acf ha subito diverse trasformazioni e passaggi di consegne perché è stato necessario adeguarsi a una società in continua trasformazione e il volontariato può avere un futuro solo se sarà in grado di accettare le sfide del tempo presente, del 'qui ed ora'. 
Ma cosa significa fare volontariato all’interno di una struttura molto complessa e articolata in 4 sezioni? Il volontario che decide di far parte di questa squadra è una persona che desidera mettere la propria professionalità, competenza, e tempo al servizio dell’altro e questo donarsi è un’ottima opportunità per costruire, ogni giorno, un ottimo movimento di crescita personale. Essere volontario credo sia innanzitutto un dovere morale e sociale, significa ascoltare, supportare e adoperarsi prestando la propria opera a chi, in un momento di seria difficoltà, ci sta chiedendo aiuto. Far parte di una associazione significa apprendere nuove competenze, utili abilità e, come ho già accennato sopra, significa anche crescita personale: fare volontariato cambia, infatti, la prospettiva e fa capire cosa conta davvero nella vita facendo toccare con mano, molto spesso, la sofferenza della persona, ma al contempo un solo grazie, un solo sorriso, due soli occhi pieni di gratitudine ricompensano più di mille parole, più di qualsiasi remunerazione.
È certo che ogni giorno ha il suo repertorio di ostacoli, disappunti e contrattempi, perché mettere insieme 18 operatori professionisti, significa confrontarsi con 18 mondi diversi, modi diversi di vedere e vivere le stesse situazioni. Spesso lo scoraggiamento sfocia nell’umana domanda 'chi me lo fa fare?'
Credo fermamente che le sole motivazioni non bastino per sostenere e alimentare un generoso volontariato; bisogna coltivare motivazioni più spirituali, intime, perché sono le uniche che nutrono la nostra volontà e rinnovano instancabilmente la nostra disponibilità, facendoci raggiungere due importanti obiettivi: una crescita umana molto forte, perché vivere è donarsi, e una solidarietà vera che trasforma l’umanità in fraternità. E insieme alla solidarietà, c’è un altro ingrediente fondamentale che rappresenta il fondamento etico del volontariato: la gratuità. Essa ne qualifica il modus operandi e lo distingue da tutte le forme di azione sociale. I volontari dell’Acf non ricevono alcun compenso e la consulenza è gratuita per l’utente. Con questo articolo ho voluto mettere in risalto cosa significa fare volontariato e il ruolo del volontario e concludo ringraziando tutti coloro che ogni giorno dedicano del tempo prezioso all’Acf. Chi desidera avere informazioni, può chiamare la segreteria, aperta dal lunedì al giovedì, dalle 9 alle 12 e  dalle 15 alle 18 al numero 327.4168832 oppure al numero 340.8258578.

Patrizia Giannoni
presidente dell’Acf

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter