Menu
RSS

Scuole paritarie in crisi, i sindacati chiedono un tavolo alla Regione

Quasi cento posti di lavoro persi o a rischio. Una dozzina di strutture chiuse. Un calo degli iscritti e l'aumento della morosità nel pagamento delle rette. Passaggi di contratto a condizioni peggiorative di stipendio per i lavoratori (anche fino a 300 euro mensili lordi). Il sistema del settore delle scuole non statali in Toscana sta mostrando cedimenti: per questo il segretario generale di Flc Cgil Toscana Alessandro Rapezzi ha scritto al vicedirettore dell'Usr Toscana e all'assessore all'istruzione della Regione Toscana per chiedere l'apertura di un tavolo di crisi sul settore, anche per far sì che scuole spesso piccole, situate in zone geografiche anche particolari, possano non sentirsi sole nell'affrontare la particolare situazione attuale. Si tratta di dare una risposta sistemica a famiglie e lavoratori di un settore molto parcellizzato e spesso debole.

“In questo ultimo anno scolastico il settore delle scuole non statali è stato attraversato da una forte crisi che ha comportato chiusure di scuole, passaggi di proprietà o cessioni di ramo d'azienda, ristrutturazioni del personale con cambi di contratto o licenziamenti - hanno spiegato Rapezzi, Leonardo Croatto e Daniele Monticelli di Flc Cgil oggi in conferenza stampa presso la sede di Cgil Toscana in via Pier Capponi a Firenze -. Questi processi hanno riguardato alcune centinaia di persone e soprattutto coinvolgono una tipologia di servizio di oggettiva rilevanza sociale per il sistema di istruzione toscano: la maggior parte delle scuole opera nel settore della scuola dell'infanzia o asili nido, che, non essendo scuola dell'obbligo, ha maggiormente risentito delle carenze di investimenti statali sul settore”.
I significativi investimenti pubblici con cui la Regione Toscana sostiene, in regime di semi-sussidiarietà, il settore dimostrano il grado di attenzione: finanziamento sezioni Pegaso (oltre 21 milioni di euro nel precedente triennio), le sezioni primavera, contributi alle scuole paritarie (3,7 milioni l'anno), introduzione del voucher alle famiglie (1,5 milioni di euro) e finanziamento progetto 0-6. Aggiunge Rapezzi: “Riteniamo che si debba attivare un tavolo di crisi nel settore che possa permettere di monitorare la situazione, valutarne gli effetti sul territorio, supportare processi di reinvestimento sul settore, verificare che non vengano mai meno i principi di qualità necessari a tutte le attività legate all'istruzione degli alunni, tutelare i diritti del personale coinvolto. Al richiesto Tavolo dovranno partecipare, oltre alle organizzazioni sindacali del settore, le istituzioni, Usr e Regione, e le organizzazioni datoriali. Un tavolo così costituito potrebbe favorire confronti specifici a livello territoriale finalizzati alla soluzione dei problemi, con risposte ai territori. A tal fine ci sembra importante la nota che l'Usr ha inviato il 10 luglio a tutti i gestori delle scuole paritarie, con l'elenco degli adempimenti da effettuare: con la costituzione del tavolo di crisi e la contestuale acquisizione dei documenti previsti nella nota citata si potrà costruire la mappatura della situazione toscana e monitorarne il processo”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter