Menu
RSS

Scuole, 140 istituti senza dirigente scolastico

studentiCentoquattro scuole senza dirigente scolastico, 50 senza segretario amministrativo, 970 posti da docente di sostegno vacanti, 1.736 posti da docente comune vacanti. A Lucca, invece, sono 265 i posti di docenti vacanti, di cui, per la scuola dell'infanzia 20 per il sostegno e 32 per le docenze comuni.Nelle scuole primarie della Lucchesia sono vacanti invece 67 posti per il sostegno e altri 22 per la docenza comune. Per le scuole medie di primo grado, sono scoperti 41 posti per il sostegno e 58 per le docentze comuni. Alle scuole medie di secondo grado, vacanti 14 posti per il sostegno e 11 per le docenze comuni.Per settembre, sostengono i sindacati sulla base di questi dati, le scuole toscane rischiano di trovarsi nel caos. E' questo l'allarme che lanciano i sindacati. “Mentre c'è chi pensa di riformare la scuola, con ipotesi fantasiose di aperture estive e raddoppi di orario, la scuola dovrebbe essere messa in condizione di funzionare normalmente, già con le risorse e gli strumenti che ci sono. Ad un mese dall'inizio dell'anno scolastico esistono molteplici criticità del sistema, che minano, oramai da anni, il sereno avvio delle lezioni”, hanno spiegato Alessandro Rapezzi, segretario generale di Flc Cgil Toscana, e Gabriella Bresci, della segreteria di Flc Cgil Toscana. 

Schermata 08-2456871 alle 15.26.33Dirigenti scolastici. Su 491 istituzioni scolastiche della nostra Regione, 104 saranno senza dirigente scolastico, sostiene la cgil: si tratta di 27 scuole sottodimensionate, a cui il dirigente scolastico non spetta per legge, e 77 sedi di scuole normo dimensionate. Di queste ultime almeno una settantina sono posti vacanti che potrebbero ospitare dirigenti scolastici titolari. “Inoltre - sottolineano i sindacati - ancora è pendente il problema del concorso dei dirigenti scolastici 2011, in attesa della definitiva sentenza del Consiglio di Stato, per cui 110 neo immessi restano in attesa di conoscere la propria sorte. Quest'ultimi secondo il Miur non accedono né a mobilità né ad assegnazione di incarico di reggenza, per cui 277 dirigenti scolastici titolari dovranno accollarsi 104 reggenze”.
Segretari amministrativi. Mai fatto un concorso pubblico da quando questo nuovo profilo ha preso il posto di quello del vecchio segretario della scuola. Ad oggi sono oltre 50 le sedi vacanti a cui si aggiungono le 27 scuole sottodimensionate che andranno in reggenza anche per questo profilo professionale: anche in questo caso si parla di circa 70 posti che potrebbero esseri messi di ruolo.
Precariato. In queste ore stanno uscendo le graduatorie definitive del concorso docenti 2012: dovrebbero essere operative dal primo di settembre, pronte per le nuove assunzioni. In queste ore sono uscite anche le graduatorie provvisorie delle Gae: in questo caso ci saranno i 5 giorni per i reclami e poi saranno pubblicate le definitive. Sempre in queste ore le segreterie delle scuole stanno curando l'inserimento a sistema delle domande per le supplenze di istituto. Ancora non sono completi gli adempimenti per la mobilità del personale Ata. “Su tutte queste procedure pendono poi gli inevitabili ritardi che saranno dovuti a correzioni, ricorsi e quant'altro. Non sfugga che siamo in agosto. E' possibile che tutto sia pronto per il primo di settembre? Bisogna tenere conto che dalla correttezza delle graduatorie dipendono le nuove assunzioni, le supplenze annuali e quelle di istituto per tutto il personale”, ha commentato Rapezzi.
Reclutamento e organici. In queste ore si va definendo il contingente di assunzioni per settembre: il 5 di agosto al Ministero sarà presentata la ripartizione provinciale delle assunzioni sia su posto comune che sul sostegno e, si suppone, anche del personale Ata. Secondo fonte Flc Cgil nazionale/Miur, sono 2.706 le cattedre vacanti in tutta la Toscana, dalla scuola dell'infanzia a quella secondaria di secondo grado, tra tutte le province. Di queste 2.706, 970 sono sul sostegno (ipotesi posti a ruolo all'82%), mentre per le altre 1.736 di docenze comuni l'ipotesi posti a ruolo è al 58%. Capitolo Ata: posti vacanti 498, ipotesi ruolo al 35%. Si ipotizza che le assunzioni nella nostra regione potranno essere complessivamente (docenti e Ata) tra le 1500 e le 2000: “Come sempre non si capisce perché, a fronte di circa 5mila supplenze annuali che vengono regolarmente assegnate in Toscana, si debba procedere ad un numero così basso di assunzioni. Risparmio? No, perché i precari li assumiamo lo stesso e il costo della gestione delle supplenze supera di gran lunga il costo della stabilizzazione, che potrebbe dare continuità didattica agli alunni e qualità alla scuola”, ha detto Rapezzi. Che ha proseguito sul tema degli organici: “Definito quello di diritto, non quello di fatto, che però le scuole conoscono già verificando la propria condizione sul sistema informatico del Ministero, registriamo già mancanze di personale per affrontare il regolare svolgimento dell'anno scolastico. Noi chiediamo il superamento dell'organico di fatto e di diritto a favore dell'organico funzionale”. “Soprattutto - si aggiunge - resta alto poi il problema delle deroghe del sostegno (nonostante l'importante decreto che autorizza già 1000 deroghe) e l'inadeguatezza del personale Ata soprattutto dei collaboratori scolastici, visto anche l'immobilismo sul tema degli appalti storici. Segnaliamo inoltre che la regione attiverà nuovamente le sezioni Pegaso di scuola d'Infanzia: sono circa 150 sezioni per un totale di 300 insegnati in piena sussidiarietà dello Stato. Inoltre partiranno i nuovi istituti per l'istruzione degli adulti tutti da organizzare di sana pianta”.
“Su tutti questi aspetti abbiamo inviato numerose richieste di intervento sia all'Usr che alla Regione: stiamo ancora aspettando risposte, soprattutto dall'amministrazione. Il fatto che dall'ottobre 2013, in una regione importante come la Toscana, non si sia provveduto a nominare un direttore titolare è di una gravità assoluta: a prescindere dalla volontà di chi svolge le funzioni di sostituzione, la complessità delle scelte, la responsabilità delle loro conseguenze richiede figure dirigenziali nel pieno possesso delle funzioni”, ha aggiunto Rapezzi. Che ha concluso così: “Chiediamo la costituzione di un luogo permanente di confronto che permetta di monitorare e affrontare insieme, valutando tutti gli scenari delle varie situazioni, le problematiche di una fase complessa dove obbligo degli adempimenti, tutela delle condizioni di lavoro, difesa della qualità della scuola devono essere contemperate dal contributo di tutti i soggetti in campo”.

 

Ultima modifica ilVenerdì, 01 Agosto 2014 15:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter