Menu
RSS

Braccini (Fiom Cgil): stop morti sul lavoro, serve una commissione regionale

"La grave tragedia di morti sul lavoro nella nostra Regione che si sono succeduti in queste settimane non ha fine. Un bollettino di guerra, ma di una guerra silenziosa, drammatica, ingiusta, che segna il grado di civiltà di un paese. I dati relativi sul lavoro in Toscana confermano la gravità di questo fenomeno e la profondità del suo radicamento nel tessuto produttivo. Sono necessarie azioni rapide da parte delle istituzioni, il governo regionale deve compiere scelte impegnative e coraggiose". Lo dice il segretario generale della Fiom Cgil Toscana, Massimo Braccini.

Leggi tutto...

Braccini (Fiom Cgil Toscana): "Sulla scuola necessaria mobilitazione generale"

"Sulla scuola è necessaria una mobilitazione generale". Lo sostiene Massimo Braccini, segretario generale della Fiom Toscana. "La scuola - aggiunge - può contribuire a indicare l'uscita dalla crisi. Siamo di fronte ad una crisi prima di tutto di valori e culturale, oltre che di sistema ed economica e dalla scuola dipende il futuro della nostra società. La scuola nel nostro Paese è stata decisiva nelle fasi di svolta e di crescita dello stesso, nei momenti della ricostruzione economica e democratica post bellica. La scuola obbligatoria e unificata permise una svolta epocale nel momento in cui cercò di eliminare disuguaglianze e discriminazioni in un popolo senza adeguata istruzione e cultura".

Leggi tutto...

Braccini (Fiom Cgil Toscana): "Il Primo maggio torni ad essere una giornata di festa e di lotta"

"Il Primo maggio, giornata di festa e di lotta, riassume in sè l'atto di nascita del movimento operaio che rivendicava migliori condizioni lavorative nello scenario della rivoluzione industriale accompagnato dalla parola d'ordine: 8 ore di lavoro, 8 ore di svago, 8 ore per dormire". Sono parole del segretario regionale di Fiom Cgil, Massimo Braccini. "Oggi invece - aggiunge subito - sembra che siamo alla controrivoluzione, alla rivincita del capitale sul lavoro: si svalorizza il lavoro, si abbassano le tutele e i diritti dei lavoratori in nome della modernità mentre la disoccupazione regna imperante. Multinazionali a briglia sciolta stanno facendo il bello e cattivo tempo anche in Toscana, ultima in ordine di serie l'annuncio della chiusura, dall'oggi al domani, della azienda Smith di Saline di Volterra con 193 lavoratori che stanno lottando con onore per salvaguardare il posto di lavoro".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Libri

Giornalismi

Newsletter