Menu
RSS

Chiurli (Democrazia Diretta): "No alla chiusura delle Province, si perdono servizi importanti"

"Lo smantellamento delle Province cancellerà il contributo in idee e forza lavoro che è stato costruito in anni di impegno. E la Regione Toscana che fa, sta a guardare?". Dopo l'incontro di ieri a Palazzo Buonamici a Prato, dove era stato invitato a partecipare all'assemblea del personale delle Rsu Provinciali, Gabriele Chiurli, candidato governatore di Democrazia Diretta per la Toscana, torna oggi ad attaccare lo smantellamento delle Province. E lo fa a partire dal Corpo di polizia provinciale. "Con il passaggio del Corpo Forestale dello Stato all'interno della Polizia di Stato – dichiara il candidato presidente - stiamo per assistere al funerale della Polizia Provinciale quella che da tutti era conosciuta come venatoria. Come faremo quando non rimarrà più nessuno con gli scarponi a vigilare nei nostri boschi? Solo i danni causati dagli ungulati sono di milioni di euro. Ci ritroveremo con i cinghiali dappertutto e con le strade in condizioni sempre più penose". E rilanciando uno tra i primi punti del suo programma elettorale, alza il tiro: "Se andranno avanti in questa direzione e partendo dal presupposto che questo bene prezioso va tutelato – rilancia Chiurli - creiamo allora un Corpo di polizia regionale con funzioni di tutela del territorio e controllo idrogeologico e faunistico-venatorio, mediante l'accorpamento e l'implementazione dei corpi di polizia provinciale. Con la chiusura delle Province – aggiunge – oltre a togliere un servizio importante ai cittadini, si rischia di perdere professionalità formate e risorse di decine di milioni di euro tra fondi comunitari, statali e regionali, investiti per valorizzare le aree protette e per i progetti ambientali. Di questi rischi la Regione deve sentirsi pienamente e responsabile".

Leggi tutto...

Democrazia Diretta, a San Marco la presentazione dei candidati

democraziadirettaIeri (27 maggio) al bar Dandy di San Marco è stata presentata alla cittadinanza la candidatura di Pietro Bernicchi e Filippo Altobelli per la lista Democrazia Diretta in corsa per le elezioni del consiglio regionale toscano. Alla conferenza stampa erano presenti inoltre il candidato alla presidenza della regione Gabriele Chiurli ed il candidato per il consiglio regionale Marco Mori. Nell'ambito sono stati toccati temi d'attualità come la disoccupazione, il consumo smodato del territorio, la mala gestione della sanità pubblica. Bernicchi ha promosso una petizione per introdurre nello statuto regionale e comunale il referendum deliberativo senza quorum, "strumento cardine - dice - per l'applicazione della Democrazia Diretta".
Inoltre sono trattati argomenti come la liberalizzazione della marijuana a scopo terapeutico, la creazione di un registro a livello regionale per le unioni civili, la centralizzazione del capoluogo fiorentino, il taglio dei contributi regionali ai celiaci dei prodotti alimentari e il mancato coinvoinvolgimento dei cittadini extracomunitari che da anni vivono nel nostro territorio ed hanno diritto di voto, nella vita politica e sociale del nostro paese.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter