Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Certificati falsi per ottenere i documenti: in due nei guai

L'indagine dei carabinieri di Roccastrada ha portato a sequestrare una serie di documenti archiviati in una pen drive

Certificati falsi per ottenere i documenti: in due finiscono nei guai.

L’indagine, articolata, è dei carabinieri della stazione di Roccastrada, in provincia di Grosseto, che hanno denunciato a piede libero due cittadini, uno del Pakistan e l’altro di origini afghane, per vari reati di falso.

La vicenda ha avuto inizio quando i due si sono presentati allo sportello anagrafe del Comune per richiedere il rilascio della carta d’identità, esibendo un certificato di residenza sospetto. I carabinieri, intervenuti nell’immediatezza, hanno riscontrato  la falsità del certificato.

L’indagine è poi proseguita con una serie di perquisizioni presso i domicili dei due, dove i militari hanno rinvenuto e sequestrato vari certificati di residenza con l’intestazione del Comune, nonché false attestazioni di conoscenza della lingua italiana. Gli stessi documenti sono stati rinvenuti in formato file  in una pen drive a loro in uso.

Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare l’eventuale coinvolgimento di altre persone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.