Le rubriche di Lucca in Diretta - Cinema e tv

Borat 2, il sequel convince

La recensione di Marco Andreini

Più informazioni su

14 anni dopo il primo Borat – Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan siamo davanti al ritorno dell’irriverentissimo giornalista kazako Borat Sagdiyev.

Conosciuto col titolo esteso come Borat – Seguito di film cinema: consegna di portentosa bustarella a regime americano per beneficio di fu gloriosa nazione di Kazakistan, in Borat 2 il Kazakistan è di nuovo lo zimbello di tutti e il presidente vuole attirare l’attenzione del presidente Usa per entrare nel circolo dei suoi amici più stretti, come Putin o Kim Jong-un.
Per questo a Borat viene chiesto di tornare negli Stati Uniti e portare con sé “un dono” che dovrà consegnare a Michael Pence, vicepresidente dell’era Trump.

Il film mi è piaciuto, mi è piaciuta l’idea di utilizzare la figlia di Borat come vera e propria co-protagonista e mi è piaciuta la coraggiosa sfrontatezza con cui si analizzano tematiche molto attuali senza mai prendersi sul serio.

Leggi la Recensione su Project Movie di Marco Andreini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.