Le rubriche di Lucca in Diretta - Economia e finanza

Cei (Idea Service): “Recovery fund, serve gioco di squadra”

Il professionista: "La finanza agevolata come strategia aziendale farà la differenza"

“Con il Recovery Fund, contenuto nel NextGenerationEU, arriveranno dall’Europa oltre 200 miliardi di euro, oltre 80 a fondo perduto (contro i 45 nel settennato 2014 – 2020), davvero una cifra incredibile capace di segnare il destino della nostra economia e anche di tante imprese nei prossimi dieci anni se non di più. Ma la verità è che anche in tempi non sospetti, prima dell’emergenza covid spendevamo meno della metà dei soldi che arrivavano dall’Europa”.  Lo dice Lido Cei di Idea Service che aggiunge: “Tradotto: perdevamo tantissime opportunità, soldi disponibili che tornavano al mittente senza creare ricchezza, lavoro e crescita. La riflessione è quindi obbligata: la partita della ripresa e del Recovery Fund non è scontata, non è già vinta nel momento in cui è approvato il provvedimento, anzi siamo solo al fischio di inizio”.

“Continuando la metafora calcistica – prosegue – per avere la meglio è necessario allenarsi ed affidarsi a chi è capace di far avere alla nostra impresa il miglior rendimento in campo. La finanza agevolata, nei prossimi sette anni, se presa come strategia aziendale, farà veramente la differenza. I soldi a disposizione sono tanti ma solo chi è pronto potrà usufruire delle agevolazioni. Programmazione, pianificazione degli investimenti a medio termine, documentazione, prepararsi ed avere le carte in regola è l’unica strada da poter seguire. Per questo è necessario un gioco di squadra tra consulenti. commercialisti e consulenti di finanza agevolata. Se la squadra c’è e collabora in modo costruttivo il ruolo da protagonisti nel campionato della ripresa economica è garantito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.