Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - Economia e finanza

Cei: “Pmi, il recovery fund è un’occasione per la ripresa”

Il numero uno di Easy Fund Consulting: "Spesso molte imprese non ne sono consapevoli"

Il Recovery Fund, Next generation Eu, è un’opportunità per le piccole e medie imprese. In Italia le pmi sono 159mila, con un fatturato complessivo di 1.054 miliardi di euro e 4,2 milioni di addetti e a livello europeo costituiscono metà del pil.

“Se è ormai chiaro a tutti che la ripresa a partire dai territorio per arrivare anche a livello europeo non può che passare dalle piccole e medie imprese – spiega Lido Cei di Easy Fund Consulting, start up nata proprio per fornire soluzioni e consulenze alle imprese – è altrettanto vero che non sempre quest’ultime sono attrezzate o consapevoli delle opportunità e potenzialità. Secondo un recente sondaggio Eunews solo il 54,4% delle pmi ritiene che il recovery fund sia un’occasione di rilancio. Per invertire questa tendenza servono azioni e riforme chiare sul fronte politico e consulenze serie e preparate a cui le PMI possono affidarsi per essere seguite nel cogliere opportunità, partecipare a progetti europei, non perdere le risorse che saranno a disposizione”.

Green economy, digitale e internazionalizzazione sono gli assett su cui costruire investimenti e programmazione per essere pronti ad intercettare le risorse a disposizione.

“Non si può improvvisare serve una strategia d’impresa ben delineata, capace di anticipare le tendenze e farsi trovare pronti – continua Lido Cei – è necessario affidarsi a professionisti in grado di garantire programmazione, pianificazione degli investimenti a medio termine, documentazione”.

E poi la politica che deve fare la sua parte: “Serve una pubblica amministrazione a misura di imprese – conclude Lido Cei – servono riforme che favoriscano gli investimenti e dimostrino un’attenzione vera al mondo delle pmi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.