Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Open Toscana si fa in tre, molte opportunità per una regione “aperta”

Open Toscana si doterà di tre nuovi canali. Le nuove funzionalità della multi piattaforma sviluppata dalla Regione Toscana e voluta dall’assessore regionale Vittorio Bugli per la condivisione di dati, ma non solo, anche per portare avanti percorsi partecipativi avanzati e offerta di servizi ai cittadini, prevedono tre nuove applicazioni.

Tre bottoni sono già attivi dal 22 settembre: servizi on line, dati aperti e una casa per la partecipazione. Gli altri tre canali, che finora hanno funzionato come demo, saranno on line da domani, 9 ottobre. Tra i vari obiettivi della piattaforma c’è anche quello di abbattere la burocrazia rendere la Toscana una regione più accessibile e agevola a cominciare anche per le varie categorie.
Domani sempre nell’ambito di Open Toscana in occasione dell’Internet festival a Pisa si svolgerà la l’Hackaton una maratona di sviluppo per coder, hackers, hobbisti, maker, dottorandi e ricercatori di talento disposti a lavorare per creare prototipi e servizi a supporto di Open Toscana. Dopo la “maratona” di domani sarà lanciato anche un vero e proprio concorso. Obiettivo ha spiegato all’assessore Bugli è stimolare lo sviluppo di nuove applicazioni che facilitino l’accesso ai servizi e alle banche dati della Regione, accrescere la trasparenza della pubblica amministrazione e il livello dei servizi digitali offerti ai cittadini, incentivare anche la creazione di nuove opportunità economiche. Per questo la regione ha messo a disposizione 400 mila euro.
Tra le varie applicazioni ci sono le app da scaricare su tablet e telefonini per vivere meglio in Toscana: applicazioni sviluppate non solo dalla Regione e che cresceranno nel tempo. Si parte con una rassegna dedicata alla mobilità e al trasporto – c’è anche un app sui terremoti -, al turismo, ai viaggi e alle utilità.
Tra gli altri scopi con cui è nata Open Toscana c’è anche quella di semplificare e sburocratizzare.  “Molto compete ai livelli nazionali – premette l’assessore ai sistemi informativi e alla partecipazione, Vittorio Bugli – , qualcosa anche alle amministrazioni territoriali e la Toscana si è mossa e non è stata con le mani in mano”. Adesso la Regione ha deciso di fare un ulteriore passo in avanti: non solo prendere provvedimenti per alleggerire gli oneri amministrativi che gravano sulle imprese e i cittadini, ma innovare e semplificare il metodo con cui questi oneri sono individuati e risolti in modo partecipato”.
Su Open Toscana c’è uno spazio cloud a disponibile per ora alla pubblica amministrazione, ma che è intenzione estendere a privati interessati a sviluppare progetti di pubblica utilità: infrastrutture e piattaforme digitali pubbliche per modernizzare i servizi e facilitare l’accesso dei servizi digitali a cittadini e imprese locali.
Inoltre c’è un canale sulle start up, ovvero le aziende dinamiche e innovative nella loro prima fase di avvio: un luogo virtuale dove confrontarsi e scambiarsi idee, trovare informazioni utili su opportunità, bandi e collaborazioni possibili, ma anche una vetrina per farsi conoscere e fare dunque economia.
La Toscana è la sesta regione in Italia per start up: ne conta 92 su 1.227 registrate. E’ la prima per spin off, ovvero le società che precedono le start up e che si sviluppano da un’idea all’interno del mondo della ricerca tecnologica universitaria. “Se vogliamo cambiare e far crescere la pubblica amministrazione e la nostra economia – sottolinea l’assessore ai sistemi informativi e alla partecipazione, Vittorio Bugli – non possiamo non stare a stretto contatto con chi di innovazione vive, senza paura di contaminarsi. Per questo abbiamo pensato ad un canale dedicato alle start up ed altre iniziative a loro dedicate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.