Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

E’ la Lombardia la maggiore acquirente di Chianti Docg

Sono state vendute quasi 4 milioni di bottiglie per un valore di oltre 12 milioni di euro e una media di 10 etichette presenti per punto vendita con un prezzo medio di 3,28 euro in Lombardia, la regione che acquista più Chianti Docg in Italia nella grande distribuzione.

E’ quanto emerso dall’ultimo rilevamento Iri nella grande distribuzione nel periodo aprile 2016/aprile 2017 che ha fatto registrare un totale di 15 milioni di bottiglie vendute di Chianti Docg per un valore di oltre 51 milioni di euro. Dopo la Lombardia si conferma al secondo posto la Toscana con poco più di 3 milioni di bottiglie vendute per un valore di 10,5 milioni di euro e una media di 27 etichette per punto vendita al prezzo medio di 3,41 euro. Infine completa il podio il Lazio con quasi 1,5 milioni di bottiglie vendute per un valore di poco più di 5 milioni di euro.
Dicembre resta il mese dove si registra il picco di vendite con quasi 1,4 milioni di bottiglie vendute, seguono marzo (1,09 milioni) e ottobre (1,05 milioni).
Per quanto riguarda invece le aree di distribuzione si registra un ex-equo fra il Nord ovest della Penisola con il 42,6% e il Centro sud con il 41,4%. Seguono il Nord est con l’11,6% e il Sud con il 4,5%. “Il mercato italiano resta per noi quello principale, in grado di assorbire da solo oltre il 30% delle vendite – spiega Giovanni Busi, presidente del Consorzio vino Chianti – è chiaro che da solo non è sufficiente e la Denominazione non può non guardare con sempre maggiore attenzione ai mercati internazionali come ha fatto negli ultimi anni. Siamo però convinti che si possa incrementare ancora di più le vendite in Italia e questi dati ci confermano che il nostro prodotto non è apprezzato soltanto in Toscana,anzi, nei prossimi mesi lavoreremo per un piano di promozione dedicato alle regioni meridionali dove ci sono molti margini di miglioramento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.