Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Artigianato artistico, in Toscana un fatturato da 21 milioni

Oltre 200mila imprese e 100mila addetti

In tutto sono 20mila imprese,  per un totale di circa 100mila addetti e un fatturato totale di  21 milioni di euro l’anno. Solo il 6 per cento supera i 15 dipendenti, il resto è una galassia di piccole e piccolissime realtà. Una rete che sostiene un’economia vivace, che si è stabilizzata con gli anni. E’ questa la fotografia dell’artigianato artistico toscano.

Oltre i numeri ci sono le storie di professionisti, ma soprattutto le sfide che il settore deve affrontare per essere competitivo e forte. Se ne è parlato oggi con lo storico dell’arte Philippe Daverio  nel convegno promosso dalla Regione Toscana e organizzato da Artex-Centro per l’Artigianato artistico e tradizionale della Toscana in collaborazione con Cna Toscana e Confartigianato Imprese Toscana al museo del Tessuto di Prato.

Ha aperto i lavori  Giovanni Lamioni, presidente Artex. Insieme a Daverio sono intervenuti: Andrea Di Benedetto, presidente Cna Toscana; Giovanni Battista Donati, presidente Confartigianato imprese Toscana; Jean Blanchaert, gallerista e critico d’arte; Stefano Micelli, università Cà Foscari di Venezia; Claudio Rocca, direttore accademia di Belle Arti di Firenze; Stefano Collina, senatore e presidente dell’associazione europea Città della Ceramica, Stefano Ciuoffo, assessore alle Attività produttive, al Credito, al Turismo e al Commercio della Regione Toscana. Sono intervenuti anche  Matteo Biffoni, sindaco di Prato e Francesco Nicola Marini, presidente della Fondazione Museo del Tessuto di Prato.  E’ stata  l’occasione per fare il punto a dieci anni alla sottoscrizione della Carta Internazionale dell’artigianato artistico, nata da un lungo percorso di condivisione e confronto, che si è affermata come una base condivisa per la costruzione di strategie per lo sviluppo, la valorizzazione, la tutela e la promozione dell’artigianato artistico a livello nazionale e internazionale. Negli anni la rete di soggetti coinvolti si è allargata e rafforzata: ad oggi la Carta è sottoscritta da 9 paesi, 14 regioni italiane, 3 regioni francesi, e 15 associazioni nazionali e internazionali. Tra gli obiettivi del documento: una maggiore comunicazione e promozione; progetti specifici e personalizzati di internazionalizzazione e commercializzazione; percorsi di innovazione ad hoc; rapporti costanti e creativi con il mondo dell’istruzione e della formazione; rapporti sinergici con le altre risorse del territorio, come  turismo e sistema culturale. 

“L’artigianato artistico racchiude l’essenza della storia  di un territorio – dichiara Giovanni Lamioni, presidente di Artex – ha un enorme valore sociale e culturale, ma allo stesso tempo è una importante risorsa economica e occupazionale. Negli anni  Artex è sempre stata in prima linea per valorizzare tutti questi aspetti, promuovendo sempre la collaborazione tra diversi soggetti, pubblici e privati. C’è ora una storia tutta da scrivere, che deve necessariamente tener conto delle nuove tecnologie, delle evoluzioni della domanda sempre più repentine e dei mercati emergenti. La tradizione deve vestirsi di nuovo, ma per essere vincenti dobbiamo promuovere la nostra unicità e difenderci dall’omologazione”

“In 10 anni – afferma l’assessore regionale alle Attività produttive Stefano Ciuoffo – Artex ha accompagnato l’artigianato toscano con attenzione e vivacità con iniziative e proposte. Tra i vari progetti realizzati cito Maestro Artigiano e Bottega Scuola perché ci preme che questi mestieri non scompaiano e vogliamo puntare sulla formazione. I Maestri Artigiani aumentano costantemente e stiamo lavorando, insieme alle associazioni di Categoria, per costruire un catalogo dell’Offerta formativa delle Botteghe scuola Toscane. Con progetti come ArTour, con il sito e gli Itinerari d’Autore, e Artigianato & Aperitivo, abbiamo poi creato rapporti sinergici tra artigianato e turismo, in un’ottica di mutuo beneficio. La Carta idell’Artigianato artistico negli ultimi anni ha visto accrescere la platea dei sottoscrittori, grazie anche all’interesse di vari Comuni toscani, ed è sempre di più un punto di riferimento”.

Oggi sono circa  200 i Maestri artigiani e oltre 20 le Botteghe scuola presenti  in regione. Il raggiungimento di queste qualifiche è legato a dei requisiti fondamentali che servono a garantire l’assoluta qualità dei prodotti e della formazione. Il Maestro Artigiano deve infatti avere un’esperienza decennale, certificata e riconosciuta attraverso il conseguimento di premi, diplomi o attestati. Ma non solo, deve essere anche in grado di insegnare il mestiere. I Maestri possono poi scegliere di accreditare i propri laboratori come Botteghe Scuola’ ovvero luoghi di formazione con dimensioni, arredi e criteri economico-finanziari ben precisi. 

Al seguente link è possibile scaricare le immagini e le video interviste a Giovanni Lamioni e Philippe Daverio

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.