Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Rimborsi ai consiglieri durante il lockdown, Rossi e Giani presentano legge per recuperare le somme

Domani l'esposizione della proposta in consiglio regionale

Rimborsi ai consiglieri durante il lockdown, arriva una proposta di legge per recuperare le somme.

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e il presidente del consiglio regionale, Eugenio Giani, hanno concordato che nella seduta del Consiglio in programma domani (30 luglio) presenteranno una proposta di legge contenente disposizioni per il recupero, dalle indennità mensili future dei consiglieri dell’attuale legislatura, della quota che è stata
erroneamente corrisposta nel periodo di lockdown per l’esercizio del mandato legata alla distanza tra sede del Consiglio regionale e residenza.

I commenti

Non si fa attendere il commento di Maurizio Marchetti, consigliere regionale di Forza Italia: “In oltre trent’anni di esercizio politico – dice – non mi sono mai trovato in queste situazioni. Mai chiesto un rimborso, mai un piè di lista: nulla. Non ho mai chiesto nulla e non voglio, anzi proprio rigetto che mi arrivino denari che non mi spettano. Per questo di certo domani voterò la proposta di legge che ci verrà sottoposta in aula di consiglio regionale”.

“Sottolineo però – commenta – che se come leggo nella formulazione scelta dai vertici regionali Eugenio Giani ed Enrico Rossi i rimborsi di mandato in questi giorni oggetto di dibattito sono stati “erroneamente corrisposti”, come scrivono nel loro comunicato, beh allora sono anche stati erroneamente deliberati ed è il caso che Giani spieghi come mai ha firmato quell’atto. Se c’è stata una decisione “erronea” che fa passare tutti noi per ladri di polli, per altro con grave lesione per l’immagine dell’istituzione oltre che dei singoli, chi la assunta ora dovrà farsene carico, giustificarla e motivarla”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.