Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Fondazioni toscane, in Regione arriva lo studio e l’analisi della Scuola Imt

'Amministrare le fondazioni. Amministrare per fondazioni' è il titolo della ricerca presentata questa mattina (8 settembre) a palazzo Strozzi

Questa mattina (9 settembre) a palazzo Strozzi si è tenuto un seminario dedicato alle fondazioni toscane per misurarne l’impatto socio culturale sulla comunità, anche a fronte di un contributo regionale che ammonta a 13 milioni di euro.

Amministrare le fondazioni. Amministrare per fondazioni della Scuola Imt è il titolo del primo dei due studi analizzati nell’incontro che ha visto la presenza della vicepresidente e assessora alla cultura della Regione Toscana. Con lei e il direttore cultura della Regione, gli autori dello studio realizzato da Scuola Imt Alti Studi di Lucca e dall’università di Siena e quelli dello studio Valutazione di impatto economico e socioculturale delle Fondazioni culturali finanziate e/o partecipate dalla Regione Toscana realizzato da Irpet.

La mattinata è arrivata al termine di un lungo percorso fatto dalla Regione insieme alle dieci fondazioni toscane a cui la Regione partecipa come socio o che sostiene cospicuamente. L’obiettivo, analizzare quelli che sono i modelli organizzativi dettati dalle norme e dalla giurisprudenza e come questi modelli sono stati applicati in concreto nelle Fondazioni che, come ha avuto modo di osservare la vicepresidente della Regione, costituiscono un pilastro fondamentale del sistema cultura che dovrebbero funzionare da traino per il resto di tutto il sistema. Dieci le Fondazioni toscane esaminate, Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione Teatro della Toscana, Fondazione Carnevale di Viareggio, Fondazione Teatro Metastasio di Prato, Fondazione Centro le Arti Contemporanee della Toscana, Fondazione Orchestra Regionale della Toscana, Fondazione Festival Pucciniano, Fondazione Scuola di Musica di Fiesole.

Lo studio realizzato dalla Scuola Imt Amministrare le fondazioni. Amministrare per fondazioni offre una ricostruzione dinamica dei caratteri e dell’attività delle principali fondazioni culturali, istituite o partecipate dalla Regione Toscana. Una prima evidenza, che emerge in modo trasversale nelle diverse parti della ricerca, è che lo sviluppo delle fondazioni di partecipazione tende ancora a mostrare una forte preponderanza della sfera pubblica che non arretra a fronte dell’affidamento mirato di crescenti compiti e responsabilità a soggetti terzi, tendenzialmente privati. Nella maggior parte dei casi la compagine dei soci fondatori risulta infatti dominata, se non rappresentata totalmente, da soggetti di natura pubblica (Regione, Province e Comuni della Toscana). L’intensità della presenza pubblica nelle diverse fondazioni risulta variabile, oscillando tra un minimo, come nel caso della Fondazione Palazzo Strozzi, a un massimo, come nelle ipotesi della dalla Fondazione Maggio Musicale, data la sua natura “speciale” di fondazione liricosinfonica e della Fondazione Sistema Toscana, dopo la sua trasformazione in un soggetto in house della stessa Regione. Se si fa eccezione per la Fondazione Palazzo Strozzi, l’apporto dei privati all’operatività delle fondazioni culturali toscane, specie sul piano della dotazione economica, appare estraneamente ridotto, giacché queste ultime sono state finanziate, in maniera del tutto maggioritaria, da risorse regionali o statali. Infine, se si escludono le previsioni di cinque statuti delle undici fondazioni considerate (che consentono a chi aderisce successivamente all’ente, apportandovi un contributo, di nominare un membro nel consiglio di amministrazione) non sembrano previsti efficaci incentivi per spingere i privati a partecipare alla vita delle varie fondazioni.

Nello studio realizzato da Irpet vengono presi in considerazione prosperità e sostentamento, contesto e resilienza, inclusione e partecipazione, conoscenze e competenze. La ricerca ha avuto come obiettivo quello di valutare gli impatti economici e socioculturali delle attività delle fondazioni culturali partecipate e/o finanziate dalla Regione Toscana nel corso dell’anno 2018. Il valore complessivo della produzione realizzata dalle fondazioni culturali finanziate e/o partecipate dalla Regione Toscana è pari a 85 milioni di euro. In Toscana l’attivazione economica complessiva imputabile alle fondazioni culturali, grazie sia alla loro attività principale, sia all’indotto turistico generato, è pari a 181 milioni di euro di produzione, 116 milioni di Prodotto Interno Lordo. Complessivamente, il peso dell’attività sul Pil regionale è quindi dello 0,1 per cento. Per quanto riguarda il personale dipendente delle Fondazioni culturali nel corso del 2018, è pari a 582 unità di cui il 33 per cento composto under 35. Nel corso del 2018, il Sistema delle Fondazioni culturali finanziate e/o partecipate dalla Regione Toscana ha realizzato un totale di circa1,1 milioni di ingressi.

Di questi il 26% è stato totalizzato dalla Fondazione Palazzo Strozzi, seguita dalla Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (18,9%), Fondazione Toscana Spettacolo Onlus (17,2%), Fondazione Teatro della Toscana (12,7%), Fondazione Carnevale di Viareggio (10,09%), Fondazione Teatro Metastasio di Prato (5,2%), Fondazione Centro le Arti Contemporanee della Toscana(4,1%), Fondazione Orchestra Regionale della Toscana (2,7%), Fondazione Festival Pucciniano (2,5%) e Fondazione Scuola di Musica di Fiesole (0,1%). Considerando il valore della produzione totale degli ingressi totali generati dall’insieme delle Fondazioni, calcolando il peso dei contributi erogati dalla Regione Toscana sul valore della produzione delle Fondazioni, si stima che in assenza di risorse regionali il numero partecipanti si sarebbe ridotto proporzionalmente, riducendo il volume di pubblico di quasi 200mila unità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.