Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

‘L’attesa spettacolare’, a Firenze sit-in di protesta dei lavoratori della cultura

L'appuntamento toscano venerdì (30 ottobre) in piazza Santissima Annunziata

Anche i lavoratori dello spettacolo e i sindacati toscani scendono in piazza per protestare contro la chiusura di cinema e teatri inserita nell’ultimo Dpcm e invitano le istituzioni a partecipare. L’appuntamento venerdì (30 ottobre) a Firenze con un presidio dalle 10 alle 12 in piazza Santissima Annunziata.

“Tutti i lavoratori e le lavoratrici stanno pagando un prezzo altissimo; ancora di più lo stanno pagando i precari e le precarie che non hanno potuto ottenere le stabilizzazioni, coloro che si sono visti annullare i contratti sottoscritti senza ottenere nessun risarcimento, i lavoratori e le lavoratrici intermittenti, le piccole realtà che fanno cultura ed educazione diffusa sul territorio, senza dimenticare tutto l’indotto (trasportatori, fornitori, noleggiatori di materiale audio/luci/video e scenografico) anch’esso in grave sofferenza – spiegano Slc Cgil, Fistel Cisl e Uicom Uil Toscana – Tutto il comparto è chiaramente in grandissima sofferenza: troppi lavoratori non hanno ancora ricevuto gli ammortizzatori/bonus e sono senza tutele garantite, nonostante le promesse fatte”.

I lavoratori dello spettacolo chiedono quindi “ristori” certi e immediati per fronteggiare l’emergenza; un reddito che riconosca i periodi di lavoro, preparazione e formazione, adottando misure di contrasto al lavoro nero; sostegni realmente esigibili per i lavoratori e per le imprese per un periodo consono; un piano di rilancio, anche attraverso l’utilizzo del Recovery Fund; l’apertura di un tavolo permanente tra le parti sociali, i ministeri e le istituzioni locali per il sostegno e il rilancio del settore anche in relazione ai contratti collettivi nazionali di lavoro scaduti, non rinnovati, non rispettati; ammortizzatori e tutele strutturali per tutti i lavoratori e lavoratrici atipici e discontinui; la stabilizzazione per i precari e le precarie delle fondazioni lirico sinfoniche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.