Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Ricercato dalle autorità tedesche, è stato arrestato dai carabinieri di Porto Santo Stefano

L'uomo è finito in manette in esecuzione di un mandato europeo

Ricercato dalle autorità tedesche, è stato arrestato in Toscana dai carabinieri di Porto Santo Stefano.

Un cittadino di origini turche è finito in manette per reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e falso in documenti di identità e permessi di soggiorno. L’arresto è stato operato in esecuzione di un mandato di arresto europeo. I reati sono stati tutti commessi in Germania nel 2019.

Come accertato dagli organi di polizia tedeschi infatti, l’uomo in più occasioni aveva prodotto documenti falsi per sé e per suoi conoscenti, agevolando il loro transito in diversi paesi europei sotto false identità. A giugno 2019, l’uomo fu fermato dalla polizia di Fussen alla guida di una vettura con altre quattro persone a bordo, che non avevano alcun valido documento. Lui fu identificato tramite il passaporto turco e un permesso di soggiorno nel nostro Paese. In quell’occasione gli fu contestato il favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.