Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Aeroporti toscani, i sindacati: “Subito ammortizzatori sociali per i lavoratori”

Vertenza per gli addetti alle pulizie e ai bagagli all'aeroporto di Pisa e Firenze dopo l'interruzione delle trattative

“Uniti si vince, uniti non subiremo ricatti”. E’ quanto affermano i sindacati dopo l‘interruzione delle trattative per la proroga dell’appalto pulizie e carico-scarico dei bagagli e la messa in cassa integrazione dei lavoratori negli aeroporti toscani, di Pisa e Firenze.

Le segreterie provinciali pisane di Filt Cgil, Fit Cisl e Cub fanno sapere che ieri (20 novembre) alle 14 è “arrivata una mail sibiliina” con cui si informava che le trattative erano improvvisamente interrotte.

“Nella stessa email  – proseguono le sigle sindacali – apprendiamo che la cooperativa Cft ha già deciso di inserire tutti i lavoratori dell’appalto negli ammortizzatori sociali fin dal prossimo 25 novembre con la conseguente, improvvisa e drastica interruzione di tutte le attività fino ad oggi svolte sempre che, da qui a pochi giorni, non si presentino novità”.

“Questa inaudita decisione – aggiungono i sindacati – ha prodotto sgomento, rabbia e preoccupazione in tutti i lavoratori del settore che già da mesi vedono il loro salario decurtato dal costante ricorso agli ammortizzatori sociali. In piena pandemia, con l’economia e la produzione in caduta libera, non è ammissibile gettare nella disperazione centinaia di lavoratori e le loro famiglie”.

“Sia ben chiaro  – avvertono – che non staremo a guardare, non permetteremo che i posti di lavoro siano messi a rischio per diatribe commerciali tra aziende. Abbiamo deciso l’immediata apertura della vertenza a tutela dell’occupazione e dei salari di tutti i lavoratori vittime della crisi pandemica”.

“Chiediamo fin da ora a tutti i soggetti responsabili degli areoporti, Toscana aeroporti e Toscana aeroporti handling, l’Enac, la Regione, gli enti pubblici e la stessa prefettura in rappresentanza del governo, azioni immediate, risolutive e responsabili per reperire le soluzioni necessarie che dovranno essere la salvaguardia di tutti i posti di lavoro alla luce anche del fatto che la Regione Toscana ha deliberato un sostanzioso aiuto economico alla società gestrice dei due aeroporti toscani – concludono i sindacati -. Promuoveremo la solidarietà attiva di tutti i lavoratori e le lavoratrici aeroportuali a difesa dei posti di lavoro e della dignità di chi vi opera e se non arriveranno nelle prossime ore decisioni utili e risolutive, sarà mobilitato tutto il settore.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.