Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Moda, Fantozzi (Fdi): “Servono aiuti immediati per l’intera filiera”

Il gruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale chiede al presidente Giani di sollecitare il governo ad adottare una strategia efficace per sostenere il settore

Servono aiuti immediati per la filiera della moda, la Regione deve aiutare questo settore vitale per la nostra economia. Non sono fantasmi, sono a rischio migliaia di aziende e decine di migliaia di posti di lavoro”. A chiedere un intervento immediato a sostegno del grido d’allarme lanciato dalle associazioni di categoria è il gruppo di Fratelli d’Italia con una mozione. Il primo firmatario, il vicecapogruppo Vittorio Fantozzi, invita infatti il presidente Giani a farsi promotore nei confronti del Governo affinché adotti quanto prima strategie efficaci di azione per sostenere il settore moda.

“E’ disperato il grido d’allarme che arriva dalle attività che fanno parte della filiera della moda. La Regione Toscana non può abbandonare questo settore vitale per la nostra economia. Non sono fantasmi, sono a rischio migliaia di aziende e decine di migliaia di posti di lavoro – si appella il vicecapogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale Vittorio Fantozzi -. In Toscana si contano 17 mila 620 imprese attive nel tessile, abbigliamento e calzature, per il 61 per cento artigiane. Già a maggio, i dati Irpet, evidenziavano che il sistema moda toscano perdeva il 40 per cento di fatturato e le esportazioni si attestavano su meno 35,5 per cento. La moda è una ‘vittima’ dimenticata, nonostante gli imprenditori abbiano investito per allinearsi alle norme, trovandosi poi costretti a fermare la loro attività. Serpeggia la sensazione di impotenza e frustrazione”.

“La distribuzione è la maglia finale di una lunga catena. Se viene danneggiato l’intero settore della vendita al dettaglio, anche la produzione artigianale e industriale frena. La moda in Toscana è la nostra eccellenza. Sapienti artigiani, con cultura tramandata da secoli, creano manufatti che in questo momento non trovano sbocchi commerciali – dichiara il consigliere regionale Gabriele Veneri -. Perderemo competenze e l’intera filiera del Made in Toscana, con la ripresa, sarà debole e in parte a pezzi. I nostri distretti moda stanno vivendo un momento di difficoltà mai vista in precedenza, penso al distretto orafo, tessile, calzaturiero, conciario. I loro prodotti sono fermi nei magazzini e, anche se non biodegradabili, sono legati a le stagioni e al loro stile che una volta passato li rende invendibili. Sono totalmente contrario alle chiusure delle attività commerciali, una scelta fatta senza criterio e soprattutto senza erogare risorse nei tempi adeguati il resto sono solo chiacchiere e propaganda. Servono contributi a fondo perduto, liquidità dalle banche, detassazione e rottamazione dei magazzini, prosecuzione della cassa integrazione. Se il Governo non farà manovre economiche immediate le attività chiuderanno. Si poteva rimanere aperti, seguendo le regole del numero limitato all’interno degli esercizi commerciali. Poi, un giorno, qualcuno mi spiegherà che differenza passa tra vendere una scarpa per bambini e una per adulti a livello di rischio di contagio. Apprezziamo la presa di posizione del Governatore Giani nei confronti dei giganti del commercio online ma le scelte sciagurate del Governo Conte, che pure Giani sostiene, servono su un piatto d’argento lo sviluppo e la crescita del monopolio commerciale alle multinazionali a discapito del negoziante tradizionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.