Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

La scuola è sicura, Azzolina a Firenze plaude alla Toscana: “Si torni ovunque alla didattica in presenza”

Il ministro: "Il diritto all'istruzione è costituzionalmente sancito e deve essere tutelato, la scuola è vita"

“Le scuole si possono riaprire come in Toscana, grati al presidente della Regione Eugenio Giani”. E’ quanto affermato dal ministro dell’istruzione Lucia Azzolina nella conferenza stampa a palazzo Strozzi a Firenze in merito al ritorno della didattica in presenza, al posto della dad.

“Nel momento in cui vengono stanziati i soldi, nel momento in cui c’è la buona volontà da parte di tutte le istituzioni, perchè la scuola ha una governance molto complessa, si fa squadra per un unico obiettivo che è quello dell’istruzione dei nostri studenti, il risultato si ottiene – ha spiegato il ministro elogiando quanto fatto in Toscana-. Giani  ha messo la scuola al centro delle proprie scelte politiche rendendo onore alla Regione Toscana e a tutti gli studenti e alle studentesse che penso gliene possano essere grati”.

“Bisogna essere sempre molto prudenti – ha aggiunto Azzolina – perchè viviamo all’interno di una pandemia, bisogna avere un grandissimo senso della responsabilità, però se le regole si rispettano, se ci si organizza come è stato fatto per evitare gli assembramenti, per avere corse in più coi mezzi di trasporto, sensibilizzando i nostri studenti e le nostre studentesse al rispetto delle regole, il diritto all’istruzione può essere contemperato, bilanciandolo col diritto alla salute”.

Il diritto all’istruzione è costituzionalmente sancito e deve essere tutelato all’interno di un paese che vuole essere civile e pensare al futuro delle nostre generazioni – ha concluso – la scuola non è solo apprendimento, è anche vita, è quello che permette di scandire le giornate dei nostri studenti, di dare loro quella routine che gli permette di costruire se stessi, la loro personalità, di stare coi loro amici. Se gli studenti comunque escono di casa tanto vale che vadano in ambiente controllati, come lo è la scuola”.

“Per il valore dell’istruzione vale la pena fare scelte coraggios – le parole di Eugenio Giani – Ringrazio la ministra Azzolina che ha scelto di metterci la faccia ribadendo il ruolo della scuola e dell’istruzione, fondamentali della nostra comunità”.  Insieme a Giani, ad accogliere Azzolina, anche l’assessora all’istruzione Alessandra Nardini, l’assessora all’educazione del Comune di Firenze Sara Funaro, e per l’ufficio scolastico della Toscana il direttore Ernesto Pellecchia e il dirigente Roberto Curtolo.

“La scuola ha una governance complessa – ha detto la ministra Azzolina – ma se tutti insieme si lavora per un obiettivo unico, che è quello dell’istruzione e della formazione delle nostre studentesse e dei nostri studenti, il risultato si ottiene. Ringrazio il presidente Giani che ha messo la scuola al centro delle sue scelte politiche cosa di cui anche gli studenti della Toscana credo possano essergli grati”.

“Abbiamo voluto seguire le indicazioni che il ministro aveva già illustrato da dicembre per riaprire le scuole subito dopo le festività – ha quindi proseguito Giani. “Siamo partiti l’11 gennaio corrispondendo alla volontà condivisa con tutte le Regioni. Noi lo abbiamo fatto perché i dati pandemici ce lo hanno permesso, ma valutando anche che quando si tratta di affrontare un’emergenza bisogna stare attenti ai messaggi che passano nella comunità: il messaggio che stava passando era che la scuola non fosse un elemento centrale della nostra società, che l’istruzione fosse quasi un peso in un paese impegnato solo a uscire dalla pandemia. Questo non era accettabile. Abbiamo quindi programmato le modalità per il rientro, tutti insieme, con un grande lavoro di squadra, tra istituzioni, dirigenti scolastici e presidi, volontariato. Siamo ripartiti da dieci giorni, ma se andiamo a vedere le curve dei contagi l’altra settimana abbiamo avuto 2901 contagi in tutta la Toscana, il che significa che per ritrovare un dato così basso bisogna tornare all’11 ottobre cioè prima della seconda ondata della pandemia”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.