Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Droga tra Prato e Montecatini, due in manette: contatti coi clienti attraverso un drone

La "genialata" non è passata inosservata ai carabinieri

Il business della droga non finisce mai di stupire, ed esibisce nuovi espedienti.

I carabinieri hanno arrestato, tra Prato e Montecatini Terme, due spacciatori che segnalavano la loro presenza ai tossicodipendenti loro clienti con un drone. Anche i contatti telefonici, tra venditori e acqirenti, sono pericolosi e per questo hanno preferito utilizzare altri sistemi.

A finire in manette sono stati un 27enne e un 29enne di origine marocchina, entrambi domiciliati nella città termale, controllati precedentemente nei giardini di Prato e trovati con alcune dosi di cocaina. Altre dosi sono state ritrovate in auto e a casa. Il valore stimato dello stupefacente sequestrato ammonta a circa 52mila euro.

Il drone, arancione, che sembrava un innocuo gioco per bimbi, ai due era sembrata una genialata, che però non è passata inosservata all’arma.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.