Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Caccia aperta alla pesca illegale nel livornese, militari della capitaneria in azione a Vada e Cecina

Sanzioni per 2mila euro e sequestro delle attrezzature

Caccia aperta alla pesca illegale nel livornese.

Dalle prime ore dell’alba di stamani (27 febbraio) i militari degli uffici marittimi di Vada e Cecina, sotto il diretto coordinamento della capitaneria di porto di Livorno, sono intervenuti in contrasto del fenomeno della pesca illegale che nella costa livornese e in particolar modo in quella di Cecina e Vada sta diventando sempre più frequente.

I militari, a seguito di varie segnalazioni pervenute nei giorni scorsi, sono intervenuti nelle prime ore del mattino con l’ausilio di un mezzo nautico del corpo in merito a dei pescatori, sedicenti professionisti, intenti a pescare con un natante da diporto senza alcuna autorizzazione per l’esercizio della pesca professionale e con l’utilizzo di attrezzi per tale tipologia di pesca che nella fattispecie erano reti da
posta di tipo tremaglio.

I trasgressori sono stati identificati e verbalizzati con una sanzione amministrativa di 2mila euro, sequestro del pescato e dell’attrezzatura utilizzata (circa 800 metri di reti da posta) per violazione di norme nazionali e comunitarie in tutela della risorsa ittica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.