Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Disabilità, Fantozzi (FdI): “I parco giochi inclusivi sono un segno di civiltà”

Approvata in consiglio regionale la mozione che ne chiedeva la realizzazione, il consigliere: "Il gioco abbatte le barriere"

Approvata in consiglio regionale la mozione del consigliere Vittorio Fantozzi (Fratelli d’Italia) che proponeva la realizzazione di parchi giochi inclusivi: “È una vittoria del mondo della disabilità, non una vittoria di parte ma di tutti, che prende spunto dal riconoscimento del lavoro già fatto in Toscana”.

“L’articolo 31 della convenzione sui diritti dell’infanzia, emanata dall’Onu il 20 novembre 1989, sancisce il diritto al gioco e richiama tutti gli adulti ad adoperarsi perché sia soddisfatto. È attraverso il gioco che passa la comunicazione più profonda tra adulti e bambini. Giocare non è solo un diritto, non è solo formativo, non è solo stimolante, ma è anche la garanzia per un bambino di svolgere una vita normale, al contrario di tanti bambini che nel mondo sono sfruttati o subiscono abusi di ogni genere o sono costretti a convivere con guerre e carestie. Il gioco può anche abbattere barriere, come quelle che ancora ostacolano la piena integrazione delle persone disabili nella società – spiega Fantozzi – Per questo abbiamo presentato un atto per diffondere anche in Toscana quello che è già realtà in altre regioni, i parchi giochi inclusivi. Lo abbiamo fatto anche per far capire che la persona disabile è una risorsa e non un problema. Un impegno preso e mantenuto dal gruppo regionale di Fratelli d’Italia”.

“Il provvedimento – conclude Fantozzi – molto atteso dal mondo che individua nell’integrazione fra bambini con possibilità diverse una priorità, chiede alla Regione di operare di concerto con gli enti locali per individuare aree in cui costituire dei parchi giochi dotate di strutture adatte e giochi inclusivi per i bambini con abilità diverse”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.