Le rubriche di Lucca in Diretta - Viaggi

Un viaggio da sogno in Australia: ma per arrivarci serve il visto

Ecco come ottenere il visto per l'Australia: turistico, per lavoro o permanente a seconda delle esigenze

C’è una terra, l’Australia, che è per molti al centro dell’immaginario. Per la sua bellezza, per la sua storia, ma anche per il suo essere agli antipodi rispetto al nostro territorio. Ma per arrivarci serve ottenere un visto.
Più che un paese un continente tutto da esplorare e, poi, da vivere. Che non è fatto solo di grandi spiagge per surfisti, deserti e canguri.
Per recarsi in Australia, però, non basta possedere un normale passaporto in corso di validità. Serve, infatti, richiedere un visto, che può essere di diversi tipi a seconda delle necessità: turistico, per studio, per lavoro.

Quali sono i requisiti per ottenere il visto Australia? Il visto turistico è destinato a chi vuole andare in vacanza nel paese oceanico e permette di entrarvi e rimanere fino a tre mesi alla volta. Il visto vacanza-lavoro è destinato a chi ha una età compresa fra i 18 e i 31 anni ed essere in possesso del passaporto di alcuni paesi, fra i quali l’Italia. Permette di rimanere in Australia fino a 12 mesi e permette di lavorare full time. Il visto Australia per studenti, infine, può essere richiesta da tutti, ma bisogna dimostrare di essere iscritti a un determinato corso di studi. Il visto lavoro, infine, può essere chiesto dal datore di lavoro per 2 o 4 anni dopo che si è dimostrato che il dipendente ha determinate qualifiche e una conoscenza adeguata della lingua inglese. Infine il più ambito: il visto permanente sottoposto a una serie di procedure e di limitazioni.Una volta superata la questione del visto per l’Australia ci si potrà dedicare a organizzare il proprio itinerario di viaggio fra le centinaia di opportunità offerte dal paese. C’è davvero solo l’imbarazzo della scelta per costruirsi su misura il viaggio perfetto. Solo per fare alcuni esempi e dare dei suggerimenti una delle mete preferite dai turisti è Sydney, città dallo skyline inconfondibile e che ha ospitato anche una storica edizione delle olimpiadi: fra i luoghi da visitare, senza alcuna volontà di essere esaustivi, della città ci sono senza dubbio la Sydney Opera House, l’Harbour Bridge e i Royal Botanic Gardens. Per gli amanti del mare, e soprattutto del surf, la mitica Bondi Beach fra spettacolari scogliere e una meravigliosa spiaggia.Se si ha tempo, e se non si è ancora giunti alla scadenza della validità del proprio visto Australia, le suggestioni non mancano. Molti avranno sentito parlare, infatti, delle Blue Mountains, dove imponenti formazioni rocciose lasciano spazio alla foresta pluviae o ad antichi dirupi, oltre a un panorama mozzafiato verso le catene montuose.L’elenco, poi, potrebbe continuare all’infinito: dalle visite alle barriere coralline, a quelle nell’interno alla ricerca di animali più o meni caratteristici, dal canguro al quokka al dingo. Una tappa che non si può saltare è quella con il Red Centre e i paesaggi indimenticabili di Uluru. Una immersione nella natura che permette anche di avere un’idea della cultura aborigena. Un ultimo cenno meritano, in una trattazione inevitabilmente non esaustiva, la grande barriera corallina, che si sia o meno appassionato di snorkeling e i paesaggi spettacolari del Daintree National Park.A questo punto non resta che fare tutte le pratiche per il visto per l’Australia, farsi un programma di massima delle cose da visitare e partire. Buona vacanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.