Seravezza, a Pozzi l’ok ai banchi di pesce e ortofrutta

Iniziativa resa possibile da Coldiretti. L'assessore Salvatori: "Evitare assembramenti"

Prodotti di qualità sotto casa. Pensando a questo doppio beneficio per i cittadini, e nel rispetto dei decreti governativi che autorizzano la vendita di generi alimentari su tutto il territorio nazionale, il Comune di Seravezza ha deciso di consentire agli ambulanti di questo specifico settore merceologico di svolgere la loro attività nei consueti giorni di mercato.

Com’è già stato a Seravezza e Querceta, le bancarelle tornano così anche a Pozzi. Appuntamento con la Coldiretti domani (26 marzo) in piazza Fratelli Cervi.

“Una possibilità che l’Amministrazione comunale ha voluto offrire e che Coldiretti ha accolto con favore di concerto con gli operatori – dice l’assessore al commercio Valentina Salvatori – A Pozzi sono attesi due banchi: quello del pesce e quello grande dell’ortofrutta. Saranno distanziati a dovere e la spesa potrà svolgersi con le stesse modalità valide per negozi e supermercati, vale a dire rispettando le corrette distanze di sicurezza fra le persone, sia in coda sia al momento dell’acquisto. Sabato scorso a Querceta si è svolto tutto in maniera corretta e senza problemi”.

“Con questa iniziativa – commenta – in linea anche con i più recenti indirizzi del Governo, desideriamo favorire gli approvvigionamenti di prossimità, permettendo ai cittadini di allontanarsi il meno possibile dai luoghi di residenza e di evitare le code ai supermercati. Colgo l’occasione – conclude – per rinnovare a tutti i nostri concittadini, in caso di uscita da casa, l‘invito ad attenersi alle misure di distanziamento sociale, ad evitare assembramenti, a lavarsi spesso le mani e, proprio con riferimento alle spese, ad organizzare con adeguato anticipo la lista delle cose da acquistare, per trattenersi all’aperto il tempo minimo indispensabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.