‘Conversazione sui lupi’, Niccolini e Vazzaz aprono la rassegna Piazza del Giglio

Si apre la rassegna multidisciplinare fatta di incontri, recital lirici, concerti jazz, reading, happening e teatro di strada

Prende il via domenica (5 luglio) alle 21 il cartellone Piazza del Giglio, rassegna multidisciplinare fatta di incontri, recital lirici, concerti jazz, reading, happening e teatro di strada che animerà le sere estive di fronte al teatro fino al 30 luglio.

Protagonisti del primo appuntamento in programma, Conversazione sui lupi, sono Francesco Niccolini e Igor Vazzaz. Niccolini, in un complice controcanto con Vazzaz, parlerà da par suo del lupo, enigmatico e straordinario animale che da sempre lo affascina, del suo comportamento, dei suoi rapporti con gli altri lupi, delle situazioni che vive, della sua animalità; Vazzaz scorterà Niccolini in questo dialogo tra parole, canzoni (da Vladimir Vysotsky a Bonnie Prince Billy, passando pure da qualche inedito) e suggestioni da tutto il mondo sul tema del lupo.

Niccolini è drammaturgo di fiducia di Marco Paolini dai tempi della versione televisiva del Vajont, specializzato nel raccontare spaccati di vita privata e pubblica, grandi storie collettive e piccoli drammi familiari. Così Niccolini introduceva, durante le settimane di lockdown, il suo contributo al palinsesto social Piazza del Giglio: “Chi mi conosce sa che io amo molto i lupi. Li cerco da anni, dentro di me e nelle persone che mi circondano.” E ancora: “La mia prima sceneggiatura l’ho intitolata Lupo dentro e parlava di un serial killer. La prima radio che ho inventato per uno spettacolo l’ho chiamata Radio Wolf, trasmetteva solo di notte e parlava alle anime segrete degli ascoltatori. Il mio primo romanzo (Mondadori, 2019) si chiama Il lupo e la farfalla. Siamo pieni di lupi: quelli cattivi delle fiabe, quelli stupidi dei cartoni animati. Quelli in carne e ossa che stanno tornando sulle montagne italiane. Quelli odiati da allevatori e cacciatori. Poi c’è il branco, che è il modo più sbagliato di chiamare gruppi di uomini che violentano le donne. Ci sono capri espiatori che sono fatti apposta per prendersi la colpa, perché la colpa è sempre del lupo cattivo ed è molto più facile prendersela con lui che cercare le colpe vere. E poi ci sono ombre di lupi, anime, ululati, ringhi, richiami, foreste, fughe e molto altro che ognuno di noi porta dentro di sé. Sempre lupi sono. Di tutte le specie possibili e immaginabili. In un modo o nell’altro ci accompagnano e, talvolta, ci tormentano. Raramente è colpa loro: più spesso la colpa è nostra.”

Cantautore, Igor Vazzaz si muove tra folk, rock, musica etnica e teatro. Dal 2014 collabora con l’attore e poeta svizzero Daniele Bernardi, assieme al quale debutta in Io, Pierre Rivière, avendo sgozzato mia madre, mia sorella e mio fratello… (2016), spettacolo di cui scrive ed esegue dal vivo le musiche. Con il gruppo folk La Serpe d’Oro, nel 2017 incide il disco Toscani randagi. Canti d’amore, rabbia e osteria  e porta in scena il recital Maledetta Toscana. Viaggio cantato nella regione più amata (e odiata) d’Italia. Oltre a questo, scrive, occupandosi di sport, teatro, enogastronomia e tante altre belle cose.

La rassegna Piazza del Giglio proseguirà giovedì 9 luglio alle 21 con Il drago dalle sette teste dei Pupi di Stac, spettacolo per bambini e famiglie: primo premio della critica e del poubblico al festival Luglio Bambino 2001, rappresentato nei maggiori festival italiani, a Charleville-Mézières (Francia, Festival Mondiale), Lleida, Maiorca, Siviglia, Barcellona, Madrid (Spagna) e Locarno (Svizzera). Questo grande racconto dei Pupi di Stac è una movimentata storia d’avventure, attinta alla fonte delle antiche fiabe popolari toscane e allestita nella più classica baracca di burattini con un notevole sviluppo del supporto scenografico, al servizio dei numerosi cambi di scena.

I biglietti per la rassegna costano 10 euro (sono previste speciali riduzioni per famiglie). Informazioni e acquisti online sul sito www.teatrodelgiglio.it; prenotazioni al numero 366.6593993 (il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17); acquisti in biglietteria il giorno dell’evento, con orario continuato dalle 15,30 a inizio spettacolo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.