Promozione turistica, Barsanti: “È inesistente, ma Confcommercio si sveglia tardi”

Critiche anche alla campagna di Lucca Promos: "La città deve cambiare guida e classe dirigente"

Promozione turistica, il consigliere di opposizione Fabio Barsanti si unisce alle critiche, ritenute tardive, di Confcommercio, senza tuttavia assolvere parte della dirigenza della stessa categoria: “La campagna promozionale ideata dalla società di cui il presidente Pasquini è amministratore unico – commenta – è brutta e inefficace”.

“Che questa amministrazione non abbia brillato per la promozione di eventi e turismo è cosa ormai risaputa – dichiara Barsanti in una nota – e se la nostra città è conosciuta e apprezzata non è certo per lo sforzo e il lavoro di questa giunta, totalmente insufficiente e inefficace. Da tre anni, in Consiglio, faccio rilevare come a livello di promozione manchino sia una guida che un coordinamento tra i diversi attori in campo. Affermo da sempre come l’assessore attuale sia stato, in questi anni, una presenza impalpabile per almeno due deleghe su tre: sport e turismo. Due settori troppo importanti per essere lasciati a loro stessi”.

La critica di Confcommercio è dunque giusta ma, da una parte, è tardiva – prosegue il consigliere del gruppo misto – poiché la scarsa promozione degli eventi non è un elemento di novità post-covid, bensì un tratto caratteristico di questa giunta; dall’altra, arriva da una categoria il cui presidente è amministratore unico di Lucca Promos, la società che in quanto a promozione non è riuscita a partorire niente di meglio che la famosa foto dell’Anfiteatro con uno zerbino e un piccione, costata parecchi soldi messi da Fondazione e Camera di Commercio e associata, non si sa come, al maestro Puccini.”

“Il bilancio sulla promozione degli eventi e del turismo è dunque una bocciatura senza appello – conclude il consigliere di opposizione – sia per la giunta Tambellini che per le società private che ottengono finanziamenti dalla Fondazione. Non vi è, dunque, soltanto l’esigenza di cambiare rotta su questo importante e strategico settore come dice Confcommercio; vi è proprio la necessità di cambiare la guida della città e buona parte della classe dirigente“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.