Strage di Viareggio, Il Mondo che Vorrei: “Riforma prescrizione più che mai necessaria dopo la sentenza di Cassazione”

I familiari delle vittime: "Non staremo zitti. La frase 'Non accada mai più' prenda sostanza e contenuto"

A quindici giorni dalla sentenza della Corte di Cassazione dell’8 gennaio sulla strage di Viareggio, Il Mondo che Vorrei Onlus elabora la propria posizione e lancia un appello alla politica soprattutto in vista del dibattito sulla nuova legge per la prescrizione.

“Di fronte a due sentenze – dice – quella del tribunale di Lucca e quella della Corte d’appello di Firenze, che mai hanno messo minimamente in dubbio l’aggravante dell’incidente sul lavoro, tutto potevamo pensare tranne che succedesse questo ribaltone: il disconoscimento che Viareggio sia stato un incidente sul lavoro. Aspettiamo le motivazioni di questa sentenza, ma se la Cassazione avesse deciso così perché le Ferrovie non rispondono alla normativa 81/08 sulla sicurezza sul lavoro, questa sentenza è un grido lancinante rivolto alla politica, una denuncia tecnica e morale che pretende una risposta altrettanto forte ed efficace: legislatori, prendetevi le vostre responsabilità”.

“Il disconoscimento dell’aggravante – prosegue la nota –  ha avuto come conseguenza non solo l’assoluzione amministrativa nel processo penale delle società condannate in sede civile, ma anche la prescrizione dell’ennesimo reato a carico degli imputati, quello di omicidio colposo per la morte di 32 persone, per il quale i condannati avrebbero dovuto pagare, dato che la loro responsabilità era stata accertata. Cari filosofi del diritto, che tanto difendete l’istituto della prescrizione, date anche a noi parti lese il sacrosanto diritto di giungere a sentenza definitiva in tempi ragionevoli. Ad oggi sono passati undici anni e mezzo e non vediamo ancora scritta la parola fine”

“La sentenza di Cassazione dice però anche chiaramente – spiega l’associazione –  che non ci sono assolti, ma ben 11 condannati certi per l’unico reato ancora in piedi, il disastro ferroviario, condannati che dovranno tornare di fronte alla Corte d’Appello di Firenze solo per rideterminare la durata della pena, essendo decaduta la condanna per il reato di omicidio colposo. Per altri, invece, ci dovrà essere una revisione del processo. Questa sentenza non può essere equiparata ad altre sentenze nefaste di questo paese, perché la battaglia che abbiamo fatto come associazione ha portato (cosa mai vista) alla sbarra i massimi vertici di Ferrovie e come sottolineiamo ci sono condannati per tutti e quattro i capi di imputazione (lesioni colpose plurime gravi e gravissime, incendio colposo, omicidio colposo plurimo, disastro ferroviario), benché tre di questi reati siano andati in prescrizione, a condanna avvenuta. Come abbiamo sempre ribadito, la nostra battaglia per la prescrizione è una battaglia di giustizia in un paese civile, e se con la Legge Viareggio 2 (riforma dell’istituto della prescrizione entrata in vigore a gennaio 2020) abbiamo ottenuto un primo successo per questo paese, è merito anche del lavoro di questi anni. Grazie a questa legge, infatti, una eventuale condanna in primo grado fermerebbe lo scorrere della prescrizione. Ma ecco che, per giochi politici lontani anni luce dalle tragedie di questo paese, tragedie che, dall’Aquila a Rigopiano, dal Ponte Morandi all’Eternit, hanno portato alla necessità di riformare la prescrizione”.

“Questa settimana (mercoledì alla Camera e giovedì al Senato) – dice l’associazione – ci sarà il voto parlamentare sulla relazione del Guardiasigilli. La sua riforma della prescrizione non va giù a quasi tutte le forze politiche. Noi familiari non staremo zitti: guai a mettere in discussione quella legge, perché nasce dalle nostre battaglie, dal sangue dei nostri cari, dall’ingiustizia che noi abbiamo subito e continuiamo a subire dopo quest’ultima sentenza di Cassazione che ha dichiarato prescritti 32 omicidi. Non accada mai più è un proclama che sentiamo all’indomani di ogni disastro colposo, le istituzioni si riempiono la bocca di questa frase. La riforma della prescrizione è uno dei pilastri con cui dare contenuto e sostanza a queste parole. Se quella riforma dovesse essere messa in discussione in parlamento, respingeremo ogni frase di solidarietà che ci è giunta da parte della politica di ogni colore – e ce ne sono pervenute tante all’indomani della sentenza di Cassazione – perché la reputeremo falsa, ipocrita e offensiva per noi, i nostri cari e i cittadini che, nonostante tutto, credono ancora nelle istituzioni e nella giustizia. Ricordiamo che la stessa giunta e consiglio regionale della Toscana, dopo la sentenza di Cassazione sulla strage di Viareggio si è formalmente impegnata ad attivarsi nei confronti del governo e della Conferenza delle Regioni, al fine di favorire una riflessione sull’eventualità di superare l’istituto della prescrizione per i reati gravi, quali i disastri colposi, come avvenuto a Viareggio; a continuare il lavoro intrapreso in questi anni al fianco delle associazioni e dei familiari delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio, sostenendole loro azioni volte all’accertamento della verità”.

Non esiste giustizia con la prescrizione e non esiste giustizia senza tempi brevi del  processo e certezza della pena – dicono ancora – Per questo anche l’accelerazione dei processi è un’altra battaglia per cui siamo scesi personalmente in campo e per la quale non smetteremo di combattere, ora più che mai. Tra i nostri obiettivi c’è anche la rideterminazione delle pene per reati inseriti in un codice obsoleto per la società di oggi. Oggi esistono situazioni industriali ed economiche complesse: in un disastro colposo è probabile che siano coinvolte anche società estere. La legge deve rinnovarsi”.

“Come abbiamo detto, la battaglia non finisce qui – conclude il Mondo che Vorrei – per questo chiediamo a tutti, pur consci di quanto possa costare in termini di fatica, di continuare a dimostrare quella solidarietà infinita che è emersa fino ad oggi. Tutti noi familiari, così come i nostri avvocati, attendiamo le motivazioni al più presto, per chiarire al meglio un dispositivo che lascia aperta la strada ad una continua disinformazione da parte dei media e dei prezzolati di turno, dubbi e interpretazioni distorte che vorremmo per primi scacciare, per comprendere il lavoro di questa Corte e affrontare al meglio le difficoltà che incontreremo, adesso più che mai alla luce di questa sentenza, nel nostro Progetto Scuola, con cui insegniamo agli studenti delle medie superiori il valore della legalità. Valore che, anche dopo questa sentenza, continueremo a promuovere, con maggiori difficoltà, ma sempre con coscienza e responsabilità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.