Quantcast

Marketing project work, successo per la seconda edizione del progetto didattico con Cromology e Sofidel foto

All'iniziativa realizzata dall'università di Pisa in collaborazione con Confindustria Toscana nord hanno partecipato trenta studenti

Si è conclusa in questi giorni la seconda edizione del progetto didattico Marketing project work realizzato grazie alla collaborazione di due realtà industriali lucchesi, Cromology Italia e  Sofidel.

Organizzato dal corso di laurea in ingegneria gestionale dell’università di Pisa in collaborazione con Confindustria Toscana nord, il progetto, cui hanno partecipato trenta studenti, voleva non solo sviluppare le loro abilità tecniche nel saper applicare le conoscenze acquisite durante il corso di marketing, ma anche consentire loro di addentrarsi nei processi decisionali di realtà importanti in settori strategici per l’economia del territorio, quello cartario e quello chimico.

“Noi di Cromology Italia – afferma Simona Bargiacchi, Internal communication and university relations manager di Cromology Italia – crediamo molto nel rapporto di partnership con il mondo dell’Università. Progetti come questo sono occasioni di confronto preziose che arricchiscono entrambe le parti. Rispetto alla scorsa edizione quest’anno abbiamo avuto l’occasione di seguire più da vicino lo sviluppo dei progetti grazie al contributo di Diego Marcucci, innovation manager, e del gruppo trasversale di Cromology che si occupa di innovazione Innovation Next 2.0”.

“Sofidel da sempre promuove i legami con le Università e gli istituti scolastici con lo scopo di fortificare la connessione tra mondo della scuola e mondo del lavoro. Rispetto allo scorso anno, ovviamente a causa della situazione pandemica, non abbiamo avuto la possibilità di ospitare gli studenti in presenza. Nonostante ciò, grazie anche al supporto delle piattaforme tecnologiche, lo scambio con gli allievi è stato comunque concreto e interattivo”, hanno dichiarato Tommaso Valente, Human resources, organisation and safety director Sofidel e Simone Donati,  business improvement and innovation director.

Durante la cerimonia conclusiva sono stati presentati sette elaborati, e due sono stati premiati. Anche se, a detta della commissione, il giudizio non è stato facile, data l’elevata capacità di approfondimento e analisi di tutti i lavori concorrenti. A salire sul podio sono stati il progetto Roller Paint, L’imbianchino in smoking, del gruppo composto da Iacopo Degl’Innocenti, Michele Gallo, Giuseppe Intagliata, Alessandra Vindigni e Baldassare Vitaggio per originalità della proposta di valore, che si è discostata più delle altre dal modello di business standard, e qualità della presentazione che ha ricevuto la targa da Cromology Italia. Il progetto Pellicart, del gruppo composto da Diletta D’Apote, Andres Di Sarli, Giulia Szalai e Matteo Trischitta è stato invecee premiato da Sofidel per l’originalità dell’approccio marketing, l’efficacia degli strumenti di analisi utilizzati e la buona presentazione del progetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.