Menu
RSS

Un corso per le donne che vogliono impegnarsi nel volontariato

Per le donne che vogliono fare attività di volontariato sta per iniziare Do it yourself, un corso di formazione gratuito sull'arte di condividere e autorganizzarsi. Si svolgerà a Lucca dal 14 febbraio al 18 aprile ed è organizzato dal Centro nazionale per il volontariato in collaborazione con Cesvot. Se tra le 15 persone che parteciperanno ci sono giovani madri, a chi ne farà richiesta è inoltre previsto un servizio di baby-sitting. La scheda di iscrizione, scaricabile su centrovolontariato.net, dovrà essere consegnata entro il 9 febbraio. Obiettivo del corso è di offrire strumenti e strategie per sviluppare azioni collaborative e sostenersi a vicenda.

Leggi tutto...

Successo per lo sportello badanti di So&Co: aumentati a 45 i contratti di lavoro regolari

Son ben 45 i contratti di lavoro regolari stipulati nel corso del 2014 dallo Sportello Badanti che certificano in maniera formale - e legale - il rapporto di lavoro tra gli assistenti e le famiglie degli assistiti. Gestito dal Consorzio So.&Co. con la volontà di favorire gratuitamente l'incontro tra domanda e offerta, lo Sportello Badanti ha cercato, sin dalla sua nascita nel 2009, di combattere e arginare il mercato irregolare che ruota attorno a questa tipologia di servizio attraverso una puntuale regolamentazione. Tra i requisiti fondamentali richiesti a un assistente familiare per potersi iscrivere agli sportelli, vi è, infatti, l'aver ottenuto una qualifica grazie alla partecipazione a un corso professionale (ADB, Assistente familiare, OSS o Infermiere), oppure l'aver lavorato con un contratto legittimo per almeno 6 mesi (legge 82/2009). Inoltre, sempre in un'ottica di disincentivazione dell'illegalità, solo gli operatori degli sportelli sono chiamati a tenere contatti tra le famiglie e le badanti sino alla stipula del contratto, per evitare comunicazioni e incontri personali.

Leggi tutto...

Patriarca (Cnv): "Sì al lavoro in carcere"

"Il lavoro in carcere va sostenuto e incentivato, non smantellato e cancellato". Edoardo Patriarca, presidente del Centro nazionale per il volontariato, in rappresentanza del gruppo 'La certezza del recupero' interviene così a favore delle dieci cooperative sociale che da un decennio gestiscono il servizio mensa in altrettanti carceri italiane. Un'attività sperimentale che s'interromperà il 15 gennaio dopo una breve proroga concessa dal Ministero della Giustizia. "Quello di domani sarà l'ultimo pasto servito dalle coop, che saranno costrette a licenziare buona parte del personale" prosegue Patriarca.

Leggi tutto...

Coop in carcere, stop dal Ministero. Patriarca difende il loro operato nelle mense degli istituti penitenziari

edoardo patriarca“Affidare la gestione del vitto in carcere alle cooperative sociali è economicamente vantaggioso e socialmente utile. Spero che il ministro Andrea Orlando, che in questi giorni ha annunciato di voler puntare sul lavoro in carcere e sulle misure alternative, possa riconsiderare la decisione presa di riassegnare al Dap la gestione delle mense”. Edoardo Patriarca, presidente del Centro nazionale per il volontariato (Cnv), intervenendo anche a nome del gruppo di lavoro sulle misure alternative La certezza del recupero, commenta così la decisione del Ministero della Giustizia e del Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria) di sospendere dopo un decennio di sperimentazione la gestione delle cucine del carcere da parte di dieci cooperative sociali.

Leggi tutto...

Il centro Zerka Moreno di Lucca partecipa a Siena al "Sociodramma Mondiale Simultaneo"

La pace è l'unica risposta, ma per raggiungerla servono azioni, bisogna costruirla la pace. Cosa siamo disposti a fare per i nostri simili? Che cosa io posso fare per loro e per me, nella famiglia, nella comunità, nella società, nel mondo, nel pianeta?
Un gruppo internazionale di psicodrammatisti lo scorso anno ha lanciato l'idea di ritrovarsi in ogni angolo del pianeta, simultaneamente, per cercare di rispondere a queste domande, organizzando tanti gruppi di sociodramma aperti alla cittadinanza e completamente gratuiti. Sms - Sociodramma Mondiale Simultaneo - uno spazio mondiale di unità nella diversità, dove ciascuno può dare il proprio contributo. All'iniziativa aderisce anche il Centro Zerka Moreno di Lucca per l'appuntamento di domenica (21 dicembre) alle 11 in piazza del Campo a Siena.

Leggi tutto...

Cnv: 210 milioni di risparmio con le misure alternative al carcere

I detenuti nelle carceri italiane sono 54.428, ovvero il 10,4% in più rispetto alla capienza. In alcuni istituti il sovraffollamento supera addirittura il 60%. Il sistema carcerario, per come lo conosciamo oggi, ogni anno costa quasi 3 miliardi di euro. Ma se investissimo sulle misure alterative alla pena potremmo ottenere un risparmio crescente: inserendo nelle realtà di accoglienza 10 mila detenuti si registrerebbe un risparmio di oltre 210 milioni l'anno. E' quanto emerge dalla ricerca condotta da Centro nazionale per il volontariato (Cnv) e Fondazione volontariato e partecipazione (Fvp) presentata oggi alla Camera dei Deputati in occasione dell'evento #LaCertezzaDelRecupero. I costi del carcere e il valore delle misure alternative. Scorrendo il report si scopre inoltre che nel mondo carcerario operano 274 organizzazioni del terzo settore, ma sono ben 8.471 quelle che si dichiarano disponibili ad accogliere detenuti o ex detenuti per il reinserimento o il recupero.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter