Menu
RSS

Separazioni e affidamenti, scontro in aula sul ddl Pillon

consigliooggiLa seconda mozione all’ordine del giorno del consiglio comunale di Lucca riguarda il disegno di legge Pillon, ovvero la proposta per la modifica di quella parte del diritto di famiglia che riguarda la separazione dei coniugi e l’affidamento e il mantenimento dei figli.
A presentare la mozione, critica nei confronti del disegno si legga e che impegna l’amministrazione ad aderire alle manifestazioni di protesta nei confronti del disegno di legge e a impegnarsi in tutte le sedi per la modifica del testo, è il capogruppo di Sinistra con Tambellini, Daniele Bianucci. “La spina dorsale della mozione – spiega – sono le parole dell’avvocato Carla Marcucci che, anche assieme all’avvocato Gianni Del Carlo, hanno lavorato e si sono impegnati sl tema. La questione è che il decreto Pillon ha deciso di dare a tutte le famiglie in crisi un’unica soluzione per tutte le situazioni. Ed è proprio l’omologazione delle soluzioni a non essere adatta a risolvere una soluzione complessa come quella delle separazioni. Si tratta di un concetto stravolto del principio di uguaglianza”. “Sulla proposta – prosegue Bianucci - di legge l’Onu stessa ha espresso profonda preoccupazione per la profonda repressione sociale che comporta e che ha diverse criticità. Fra queste l’imposizione della mediazione familiare a pagamento prima del procedimento di separazione e l’imposizione ai figli del doppio domicilio”.

Leggi tutto...

Spese straordinarie per i figli? Il giudice può imporre ai genitori di preventivarle

aulatribunaleCom'è noto, l'obbligo di ciascun genitore di provvedere al mantenimento dei figli, in caso di fine della convivenza familiare, è composto da due voci di spesa. L'una relativa alle esigenze della quotidianità, è il mantenimento ordinario, cui il genitore che non convive con i figli fa fronte, corrispondendo all'altro un assegno di mantenimento mensile di importo predeterminato. L'altra è relativa alle cosiddette spese straordinarie di importo variabile, che sono dovute a bisogni dei figli improvvisi e non determinabili in anticipo, o comunque comportanti costi rilevanti rispetto alla capacità economica di ciascuno genitori. Generalmente sono tali le spese mediche e sanitarie, quelle relative alla formazione scolastica ed extrascolastica. Vengono poste a carico dei genitori nella misura del 50% ciascuno, o in quota diversamente proporzionale.

Leggi tutto...

Le violenze sui figli possono costituire addebito nelle cause di separazione

aulatribunaleCome purtroppo dimostrano le cronache quotidiane, la crisi familiare fa spesso da sfondo a episodi di violenza perpetrati ai danni di uno dei coniugi, ma spesso e con conseguenze a volte più gravi, anche dei figli. Questi ultimi non partecipano direttamente al procedimento per separazione, che ha come attori soltanto i genitori e ci si chiede quindi quali conseguenze possano avere tali episodi in questo contesto e, più in particolare, se possano essere causa dell'addebito. Com'è noto infatti il giudice che pronuncia la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia fatta richiesta, a quale dei coniugi sia da addebitabile la crisi familiare, in considerazione del suo comportamento non conforme ai doveri derivanti dal matrimonio.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter